Articoli | 13 Marzo 2019 | Autore: Raffaella Tosoni

L’evoluzione verso il futuro si chiama M&D Group

Realtà dinamica e in continuo sviluppo, arricchisce costantemente la propria offerta per il mercato dell’aftermarket indipendente, inserendo fino a 350 nuovi articoli al mese. Conosciamo più da vicino M&D Group.

 

Un’azienda che ha fatto della diversificazione e del costante aggiornamento i cardini della sua crescita e della sua evoluzione, il tutto mantenendo elevato lo standard di qualità dei prodotti che gestisce. Stiamo parlando di M&D Group, fino a poco tempo fa conosciuta sul mercato come Meat&Doria. È con il direttore commerciale Italia dell’azienda, Andrea Quarello, che parliamo di come si è affermata sul mercato internazionale e dei progetti che caratterizzeranno questo nuovo anno.
 
Da Meat&Doria a M&D Group: ci racconta brevemente dell'evoluzione della società e delle diverse attività dei brand che rappresentate?
In questi anni Meat&Doria ha avuto una grande espansione sia in termini di fatturato, sia di linee di prodotto trattate, consolidando la propria posizione in un mercato in continuo cambiamento. Proprio in questa evoluzione, due anni fa è nata M&D Group: abbiamo così risposto alle esigenze di alcuni mercati come la Spagna, la Francia e la Russia, che richiedevano la nascita in loco di filiali direttamente controllate da Meat&Doria. Il tutto senza mai dimenticare lo sviluppo dei nostri marchi Meat&Doria e Hoffer Products, che si propongono in modo paritetico sul mercato.
 
Una delle vostre caratteristiche è il continuo ampliamento di gamma e l'inserimento di nuove famiglie di prodotto: questa strategia risponde più a un'esigenza di diversificazione o di specializzazione? Quali sono le motivazioni alla base di questa strategia?
Direi che entrambe le esigenze sono fondamentali, la diversificazione ti rende sempre molto più “ricercato”, mentre la specializzazione contribuisce a renderti “unico”, avendo a disposizione delle gamme prodotto con un numero di referenze difficilmente replicabili nel nostro settore dai nostri competitor.
 
Il mercato Italia ha visto l'ingresso di nuovi competitor sia a livello produttivo sia distributivo: quale pensate sia la miglior strategia per affrontare questi cambiamenti?
Per affrontare questi cambiamenti bisogna essere sempre - e sottolineo sempre - in continua evoluzione, non ci si deve mai fermare e, fortunatamente, abbiamo alle spalle 74 anni di storia che ci hanno visto più volte innovarci e fare le giuste scelte, anche grazie alle intuizioni del nostro management.
 
Quali sono i vostri punti di forza che vi rendono un partner privilegiato per i vostri clienti?
Elencherei i punti di forza in modo molto sintetico:
  • gamma completa di prodotti elettrici ed elettronici con 25.000 referenze in stock;
  • ottima copertura di circolante per applicazioni europee, giapponesi e coreane;
  • disponibilità di magazzino superiore al 94%;
  • elevata competenza tecnica;
  • servizio completo: velocità di spedizione, flessibilità commerciale ed e-commerce aggiornato in tempo reale;
  • media di 350 articoli nuovi ogni mese;
  • i nostri clienti: il vero punto di forza.
 
Quali novità e progetti avete in serbo per il 2019?
Per il 2019 inseriremo due nuove gamme prodotto (di cui una molto importante), ma sarà una sorpresa per i nostri clienti. Inoltre, andremo a sviluppare ulteriormente la gamma dei turbocompressori e degli attuatori porta che abbiamo da poco inserito. La nostra azienda ha ormai abituato i clienti a inserire ogni mese più di 350 nuove referenze a catalogo.
 
 
La storia
La storia di Meat & Doria inizia nel 1945, quando Adolfo Lorenzi fonda a Torino la società M.E.A.T. (acronimo di Materiale Elettrico Automobile Torino).
All’inizio degli anni 50 inizia la produzione di componenti per la carburazione, un segmento che acquisisce sempre maggiore importanza nella strategia di vendita aziendale.
Nel 1985 M.E.A.T. acquisisce D.O.RI.A. (Distribuzione Organizzata RIcambi Automobile), azienda specializzata nella produzione di filtri carburante.
L’evoluzione dell’azienda viaggia così su due direttive: la carburazione, che oggi riguarda i ricambi per impianti iniezione, e la filtrazione, dove la produzione di filtri è sempre più sofisticata.
Un’altra tappa fondamentale è quella degli anni 90, quando viene creato il brand Hoffer Products dedicato al materiale elettrico.
Dal 2010 l’azienda inizia a produrre anche i primi modelli di valvole EGR, ampliando ulteriormente la gamma prodotti.
La crescita passa quindi attraverso il duplice volano della diversificazione delle famiglie di prodotto trattate e l’apertura di nuovi mercati.
M&D Group, dunque, è oggi una realtà composita con 74 anni di storia, oltre 120 gamme prodotto a catalogo distribuite in più di 70 paesi al mondo e una presenza internazionale.

 

Photogallery

Tags: Meat&Doria

Leggi anche

ARTICOLI | 29/08/2018Nuova gamma turbo per M&D Group