Articoli | 04 Marzo 2019 | Autore: Tommaso Caravani - Cristina Palumbo

​TEXA in carrozzeria per la calibrazione ADAS

Mettere i carrozzieri in grado di operare su qualsiasi vettura gestendo direttamente la calibrazione degli ADAS con un notevole risparmio di tempo e costi: questo lo scopo di TEXA con il suo sistema modulare RCCS.
 

A fronte di un circolante sempre più equipaggiato con dispositivi di assistenza alla guida, sorge l’esigenza di poter e saper intervenire in maniera corretta su tali dispositivi. Il primo chiamato in causa in questa nuova attività è il carrozziere, che anche in caso di un semplice tamponamento, deve valutare se l’urto ha avuto effetto su tali dispositivi e capire se è il caso di ricalibrarli.

Infatti, nella maggior parte dei casi, telecamere e radar sono integrati nelle parti di carrozzeria più esposte agli urti e se ogni volta il carrozziere dovesse rivolgersi a un collega per la calibrazione dei dispositivi, rischierebbe di non avere più un ritorno economico adeguato nel suo lavoro.

Da questa semplice e realistica considerazione è partita TEXA per sviluppare una soluzione pensata specificatamente per il carrozziere: il sistema modulare multimarca TEXA RCCS, in grado di effettuare in modo rapido ed efficace la calibrazione di radar e telecamere su un veicolo incidentato.
 

ADAS: sempre più diffusi

All’inizio la gestione della calibrazione dei dispositivi ADAS era soprattutto una questione di cristalli: era quasi esclusivamente chi si occupava della sostituzione di un parabrezza a dover procedere alla calibrazione di radar e telecamere.

Oggi invece, come spiega Mimmo Fichera, responsabile dello sviluppo di tutto ciò che riguarda la diagnosi auto per TEXA, questi dispositivi sono posizionati anche su specchietti, paraurti e altre parti della carrozzeria di un veicolo, così da garantire un sistema di allerta “all around” cioè che è in grado di monitorare tutto il veicolo a 360 gradi.
Se fino a poco tempo fa solo il 4% dei veicoli circolanti in Italia era dotata di un sistema ADAS, la percentuale sale al 18% per le vetture vendute nel 2018. Una cifra destinata a crescere fino al 70% nel 2020, stimano gli esperti, anche in considerazione del fatto che il Parlamento Europeo ha già approvato la proposta di rendere presto obbligatori i sistemi di guida assistita su tutte le auto di futura immatricolazione.

Un’indagine svolta da TEXA sui carrozzieri ha portato alla conclusione che circa il 10% dei veicoli che vengono riparati hanno un sistema ADAS, con punte che raggiungono il 50% per chi lavora con flotte a noleggio, dove il parco auto è più “giovane” della media nazionale.

I sistemi di assistenza alla guida, dunque, rappresentano un nuovo impegno e un’opportunità di business, dato che oramai non sono più appannaggio delle auto di lusso, ma anche le utilitarie ne sono dotate. Un tipo di intervento per il quale è necessaria una preparazione e degli strumenti specifici, dove non c’è posto per improvvisazione e approssimazione.
L’impegno di TEXA nei confronti dei carrozzieri punta proprio a metterli in condizioni di operare in autonomia e diffondere una nuova cultura nella gestione degli ADAS, anche attraverso attività sui social e campagne pubblicitarie mirate.
 

La soluzione RCCS di TEXA

L’esperienza di TEXA nel reverse engineering per lo sviluppo di strumenti di autodiagnosi multimarca è stata alla base della messa a punto del sistema modulare multimarca RCCS per la calibrazione di radar e telecamere.

Ogni casa auto, infatti, utilizza soluzioni diverse per integrare gli ADAS nel veicolo e per la loro calibrazione, pertanto è importante essere in grado di intervenire su tutti i sistemi, contemplando quindi non solo un aspetto (leggi parabrezza), ma tutta la protezione del veicolo (frontale, laterale e retro), realizzando dei sistemi software che aiutino i carrozzieri a lavorare in sicurezza e semplicità.

La proposta RCCS di TEXA permette, infatti, di utilizzare un unico strumento per calibrare radar e telecamere secondo le specifiche del costruttore, guidando passo dopo passo l’operatore, attraverso le schede di riparazione dei diversi modelli di veicolo. L’aggiornamento continuo online del database sui modelli di veicolo permette di avere una copertura del 98% del circolante.
Il sistema, anche grazie all’ausilio di diversi accessori (dai pannelli ai tappeti ai bersagli) e alla sua modularità, si dimostra particolarmente versatile e può calibrare ogni tipologia di telecamera e radar, che sia frontale, posteriore o a 360 gradi, con una precisione assoluta.

La soluzione TEXA è composta da un robusto supporto principale, regolabile elettricamente in altezza e facile da spostare all’interno dell’officina, grazie alle sue ruote pivottanti; una barra di regolazione, equipaggiata con un piatto riflettente scorrevole e due specchi; due pratiche griffe autocentranti, con un innovativo sistema di aggancio istantaneo alla ruota e complete di puntatori laser e scala graduata, che assicurano la massima precisione in fase di allineamento del veicolo.
Gli accessori disponibili includono: tappeti graduati, carrello porta target, simulatore Doppler per la calibrazione del punto cieco, coni e tappeto, dime di posizionamento e dispositivo night vision. TEXA ha inoltre realizzato un emettitore di microonde per la calibrazione dei sensori termici.
 
Il kit base comprende una ventina di pannelli e tre tappeti, oltre al software di diagnosi IDC5, che fornisce tutte le informazioni necessarie per una taratura a regola d’arte. Ad esempio, negli help di diagnosi redatti per ciascuna marca/modello, si trovano le istruzioni per il corretto posizionamento degli strumenti (altezza da terra del pannello, distanza dal veicolo, allineamento, ecc.). Il programma guida il carrozziere step by step attraverso tutte le fasi di lavoro. Al termine della taratura, inoltre, è possibile stampare un report da consegnare al cliente con l’evidenza delle operazioni effettuate.

Per chi lo volesse, inoltre, attraverso il programma TEXAEdu, l’azienda propone un corso di formazione specifico, il D9C, che permette di apprendere le caratteristiche tecniche e le modalità di funzionamento dei sistemi di assistenza alla guida, la posizione e le funzionalità delle tecnologie coinvolte: radar, lidar, telecamera, camera a infrarossi, sensori a ultrasuoni, eccetera.

Photogallery

Tags: texa adas

Leggi anche

ARTICOLI | 30/03/2018ADAS: avanti tutta… con Texa