Articoli | 12 Settembre 2019 | Autore: David Giardino

Novagroup e i soci: insieme, pensando al domani

La Puglia ha accolto a settembre l’incentive di cinque dei soci storici di Novagroup: Coran, Maina, Pasquale Puddu, Rimat e SOS Officina; un incontro organizzato assieme per visione e condivisione delle strategie del futuro.
 

Il Salento a settembre regala ancora una stagione accogliente, ideale per strappare all’autunno incombente ancora qualche giornata di estate; il luogo perfetto dove raccogliere i propri migliori clienti, circa 200 aziende, alternando momenti di relax a quelli dedicati al lavoro e alle prospettive future della filiera della riparazione automotive.

Non è sicuramente un caso che siano state le aziende che hanno fondato Novagroup, provenienti da una lunga storia di aggregazione in comune, che hanno deciso di organizzare assieme questo incontro; così Vittorio Amura, presidente di Novagroup, ha commentato l’incontro, introducendo i temi della convention.

Nel suo intervento, Vittorio Amura ha anche lasciato intravedere, per un prossimo futuro, la possibilità che da una consolidata amicizia e relazione fra i soci si possa arrivare a “qualcosa di più concreto”, che possa accogliere le istanze di cambiamento e di rafforzamento che sta dettando il mercato.
 

L’immagine

Ad Alan Amura, responsabile marketing del gruppo, il commento sulle attività di marketing e di visibilità di Supernova, che hanno raggiunto l’apice lo scorso maggio durante l’evento fieristico di Autopromotec. Per l’occasione, infatti, è stato allestito uno stand ad alto impatto, che ha permesso al gruppo di godere di una grande visibilità, che si è concretizzata attraverso la registrazione diretta di autoriparatori, condivisioni e iscrizione sulle pagine istituzionali e nei social.

Nel sito di Supernova gli utenti possono trovare non solo comunicazioni dirette verso l’automobilista e l’officina, ma anche uno strumento attraverso il quale è possibile ordinare articoli dedicati al merchandising e al rafforzamento della fidelizzazione delle officine.
 

La tecnologia

Siriotek, il software messo a punto da Novagroup, sarà sempre più completo, per rafforzare la comunicazione con gli automobilisti; così Massimo Mandato, responsabile per il gruppo delle officine Supernova, spiega le implementazioni che avrà il gestionale officine, in modo che l’automobilista e l’officina possano avere a disposizione online tutti i documenti di riparazione e i preventivi fatti su un determinato veicolo in qualsiasi momento e luogo servano.

La comunicazione con l’automobilista attraverso la rete con gli strumenti evoluti presenti su Siriotek consentiranno la prenotazione dei tagliandi e le attività di gestione del veicolo, come nel caso della revisione periodica, con semplici gesti sul telefonino o con il mouse da casa.
 

La canalizzazione con Arval

L’accordo siglato tra Arval, una tra le più importanti società di noleggio a lungo termine in Italia, e Novagroup permette di offrire agli affiliati Supernova nuove opportunità di business. Le officine del network potranno richiedere così di entrare a far parte della rete dei riparatori autorizzati Arval.

“Dal 2013 è partita una attività molto seria e importante di qualificazione delle officine abilitate a intervenire sui mezzi di proprietà di Arval” spiega Marco Mosaici, direttore della business unit dedicata alla manutenzione dei veicoli, con una flotta che conta ad oggi più di 200.000 mezzi su strada per i quali i costi relativi alla loro gestione annuale si aggirano su circa 450 milioni di euro.

“Da 20.000 officine nel 2013 – continua Mosaici - siamo passati alle circa 8.000 di oggi: una cifra significativa, che sta ad indicare lo sforzo dedicato alla selezione e alla qualificazione del network, allo scopo di elevare l’indice di gradimento dei servizi offerti ai clienti Arval, anche nel momento in cui hanno necessità di effettuare una manutenzione al veicolo in uso. L’eccellenza dei centri di servizio è rappresentata dai 157 Premium Center, cioè riparatori multiservice in grado di accogliere e riparare l’auto in un unico punto, in grado così di ottimizzare i tempi di attesa e l’esperienza vissuta dai nostri clienti”.

Le officine Supernova che si vorranno candidare dovranno rispondere a un questionario di valutazione e passare per un processo di verifica che dovrebbe concludersi in due settimane; superati i test potranno far parte della “rete di riparatori center” di Arval e saranno così autorizzati a porre il prestigioso logo aziendale a fianco del proprio.
L’incontro si è concluso con una riflessione aperta sul futuro della distribuzione e dell’automobile come mezzo di trasporto, due settori destinati a un forte cambiamento in un periodo che lascia comunque il tempo, a chi vorrà, di prepararsi adeguatamente.

Photogallery

Tags: Novagroup arval supernova

Leggi anche

ARTICOLI | 22/03/2019​Ricominciamo da Nova
ARTICOLI | 28/10/2016La prima volta di Fe.n.c.a.r.