Articoli | 13 Settembre 2017 | Autore: Cristina Palumbo

La pompa acqua Dayco esce dal kit

Lanciata ufficialmente ad Autopromotec, la pompa acqua Dayco punta a diventare un best seller per chi sceglie di sostituire solo questo componente senza intervenire sull'intero sistema. Vediamo la novità di questa iniziativa.

Bologna, Autopromotec: un’occasione imperdibile per il lancio ufficiale di un “nuovo” prodotto. In questo caso il virgolettato è d’obbligo, perché il prodotto non è nuovo in sé per Dayco, ma la novità è che viene proposto al mercato al di fuori dei kit, come ricambio “stand alone”. Specialista dei sistemi di trasmissione di potenza, fra le pioniere che hanno immesso sul mercato i kit come formula completa per l’intervento sulla distribuzione e sui servizi accessori, Dayco oggi propone la pompa acqua come prodotto sciolto: viene da chiedersi come mai questa scelta. La risposta arriva direttamente da Alessio Galletti e Gianluca Fantozzi, rispettivamente sales manager e technical manager di Dayco, che insieme a Franca Pierobon, responsabile comunicazione dell’azienda, ci raccontano le ragioni e il valore di questa scelta decisamente strategica, che porta vantaggi tanto al meccanico quanto alla filiera distributiva.

Dal sistema al singolo componente
Dayco da sempre sostiene che per una migliore performance e ottimizzazione di tutto il sistema di trasmissione, è bene cambiare tutti i componenti nello stesso momento e proprio per questo già da anni propone al mercato il kit distribuzione, con o senza pompa dell’acqua. “Possono esserci diversi motivi per cui un autoriparatore decide di sostituire solo la pompa dell’acqua: la nostra proposta commerciale non includeva l’opzione della sola pompa e ci è sembrato doveroso inserirla, così da poter dare all’officina tutte le possibilità di intervento”, spiega Galletti. “Una pompa dell’acqua si può sostituire per usura o rottura - prosegue Fantozzi - e l’autoriparatore si può trovare di fronte a diverse scelte riparative, per questo cerchiamo di offrire più possibilità. Partiamo dal presupposto che l’auto che entra in officina non è nuova e potrebbe già aver subito degli interventi: sarà l’autoriparatore in base alla sua professionalità a decidere come agire”. “In altre parole - conclude Galletti - al di là delle specifiche situazioni contingenti per cui una scelta può risultare più funzionale di un’altra, cerchiamo di intercettare tutti i bisogni del mercato, laddove sono gli stessi operatori che ci riconoscono un ruolo di riferimento, non più solo come sistemista della trasmissione, ma più in generale per il prestigio che il marchio Dayco si è conquistato”.

Una gamma ancora più completa
L’offerta della pompa acqua “stand alone” è costituita da oltre 500 codici, di cui una buona parte sono le novità di prodotto vere e proprie: la maggior ampiezza di gamma si compone di referenze azionate dalla cinghia servizi, vera novità di questa linea di prodotto. Ad oggi la gamma corrisponde a circa 800 codici OE e permette una copertura pari al 92% del circolante a livello europeo: una cifra decisamente importante, che permette di rispondere anche a esigenze di sostituzione per auto magari meno diffuse nel nostro paese ma più presenti in altre zone del Vecchio Continente. Verranno inserite prossimamente anche le pompe ad azionamento elettrico per il completamento dell’alta gamma.

Dayco: la garanzia di un brand
Se finora Dayco non era entrata nel mercato della pompa acqua, il primo feedback avuto nel corso sia della presentazione ufficiale ad Autopromotec, sia delle serate di presentazione tecnica organizzate in questi mesi è stato estremamente positivo. “A fare da apriporta è sicuramente il brand - dichiara Pierobon - che gode di un grande prestigio sul mercato. Anche se il prodotto è una new entry, infatti, il fatto che sia proposto da un’azienda che offre garanzie da sistemista OE, competenze e know-how tecnico, qualità di prodotto e servizi ci ha permesso di avere ottimi risultati fin da subito. L’Italia non è il primo paese in cui abbiamo lanciato la pompa acqua stand alone, ma la risposta positiva della filiera è comune a tutti i mercati”. “E a proposito di feedback - sottolinea Galletti - il prodotto non solo piace ai meccanici perché offre un ampliamento di gamma e dunque maggiori opportunità di business, ma anche alla filiera distributiva, che può contare sul prestigio del marchio per proporlo”.

I plus della pompa acqua Dayco
A parte il brand e la garanzia che offre al mercato e l’ampia copertura del circolante, tra i plus di questo prodotto annoveriamo anche il fatto che si tratta di un componente realizzato in Europa (nel 90% dei casi) e solo alcune referenze destinate ai veicoli asiatici in Asia. Dal punto di vista dei plus di servizio sottolineiamo che ogni confezione contiene delle istruzioni di montaggio generiche realizzate in forma grafica che rappresentano un importante strumento di lavoro: sono molto intuitive e con un colpo d’occhio l’autoriparatore trova subito il passaggio che gli serve per eseguire in maniera corretta la sostituzione di questo componente, risparmiando anche molto tempo.
 
Come incontrare i tecnici Dayco
Dayco è a disposizione per organizzare serate tecniche sul prodotto: chi fosse interessato può rivolgersi al suo ricambista di fiducia che contatterà l’azienda. Le serate tecniche di presentazione coinvolgono circa una ventina di autoriparatori alla volta, così da dar modo a tutti di interagire con il responsabile tecnico e creare una ambiente stimolante per un momento non solo di formazione ma di confronto sinergico fra colleghi.

Cause di rottura della pompa e consigli per l'autoriparatore
Per capire meglio in quali situazioni può convenire sostituire la pompa dell’acqua, Gianluca Fantozzi stila una sorta di manuale sintetico sulle cause di rottura e il corretto montaggio della pompa acqua. Quando la pompa acqua inizia a perdere liquido refrigerante allora è necessario intervenire rapidamente per evitare che il difetto possa trasformarsi in un grave danno al motore che non viene raffreddato a dovere. L’usura della pompa è solitamente dovuta alle impurità che si accumulano sulla guarnizione di tenuta della girante e questo può succedere sia perché è fisiologico nel tempo, sia per uno squilibrio del sistema dovuto alla sostituzione solo di alcuni componenti dello stesso. Un’altra causa molto diffusa è l’uso improprio di pasta sigillante sulla guarnizione, che spesso al meccanico sembra essere necessaria: l’aggiunta di sigillante, quando non previsto, detto in maniera molto semplice, impedisce di fatto il corretto posizionamento della pompa con conseguente disallineamento. Infine tra i consigli sempre utili, Fantozzi sottolinea l’importanza di inumidire la guarnizione di tenuta della girante, utilizzare la chiave dinamometrica per il corretto serraggio e utilizzare sempre gli accessori (guarnizione, viti, ecc.) forniti con la pompa dell’acqua Dayco.

Photogallery

Tags: pompe acqua dayco ricambi auto

Leggi anche