Facebook Facebook Twitter LinkedIn Google Plus Youtube

News | 17 Marzo 2011 | Autore: Francesco Giorgi

Pagani Huayra, la supercar “controllata” dalla centralina Texa TMD, anche da lontano
12 cilindri, alimentati da un doppio turbocompressore, “cuore” studiato in collaborazione con Mercedes e AMG che sviluppa 700 CV e proietta la vettura a oltre 370 km/h; sotto un telaio hi-tech realizzato in carbotitanio, per un peso totale di 1350 kg.
Ecco, in estrema sintesi, la carta d'identità della Pagani Huayra, la super GT estrema che rappresenta l'ultima creazione (in ordine di tempo) del marchio modenese fondato da Horacio Pagani.
Presentata in anteprima ufficiale nei giorni scorsi al Salone di Ginevra, la Pagani Huayra rappresenta la massima evoluzione in chiave tecnica non solo per la stessa Casa costruttrice, ma anche per l'aggiornatissima componentistica elettronica di controllo presente a bordo. Una serie di sofisticate centraline, infatti, controllano in maniera pressoché totale le funzioni della vettura.
Fra queste, è da segnalare l'utilizzo del sistema di controllo elettronico remoto TMD prodotto da Texa (partner con la quale Pagani collabora dal 2004, all'epoca dell'uscita sul mercato della Zonda), che permetterà ai tecnici Pagani, grazie a un aggiornato sistema di telediagnosi sviluppato da Texa, di verificare il funzionamento di ciascun esemplare della Huayra.
La tecnologia della centralina TMD (Texa Mobile Diagnostics) si basa sulle funzioni Gprs. Con questo potente strumento diagnostico miniaturizzato, che viene montato all'interno del vano motore, tutti i dati vitali rilevabili elettronicamente vengono raccolti e spediti. In questo modo, è possibile, anche a migliaia di chilometri di distanza, il controllo su ciascuna delle funzioni del motore, del cambio e dei servizi accessori.
In più, si può operare un intervento semplice (come lo spegnimento delle spie), il check della vettura per la verifica delle condizioni di efficienza e la previsione dei servizi di manutenzione, fino alla predisposizione, in caso di malfunzionamento della vettura, delle parti di ricambio da utilizzare.
La tecnologia TMD a bordo della Huyara, dichiara Bruno Vianello, presidente di Texa, costituisce il primo passo verso una maggiore diffusione di questo dispositivo: “E’ un grande onore essere parte di questo straordinario progetto portato avanti con grande passione e strepitosi risultati dall’amico Horacio Pagani. Tra i nostri progetti più importanti c’è quello di trasferire a breve la tecnologia del TMD, unica al mondo, dalle supercar alle vetture di tutti i giorni”.

Approfondimenti


Per Pagani Automobili
Per la pagina sulla world première della Huyara
Per Texa
Per la pagina sui prodotti Texa
Per l'illustrazione del dispositivo TMD Texa per autovetture




 

Photogallery