Opinioni | 01 Dicembre 2017 | Autore: David Giardino

La tecnologia che spaventa la riparazione
Si diceva che l’elettronica non avrebbe potuto convivere facilmente con l’ambiente “ostile” di un autoveicolo su strada. Umidità, freddo e caldo estremo hanno sempre indotto i più pessimisti a pensare che l’elettronica non era “pane” per le automobili. Si sbagliavano? Forse no, ma è sicuro che, nonostante i rischi, l’introduzione delle centraline di controllo elettronico dei sistemi a bordo non conosce da almeno un ventennio alcuna battuta d’arresto, anzi.
Il tema non è più quindi quello se ci sarà più o meno elettronica in un veicolo, ma cosa ci sarà nel veicolo oltre l’elettronica. Ormai si è proiettati verso un futuro di guida assistita, di frenata assistita, di parcheggio assistito, insomma anche il termine “guidare un veicolo” dovrà essere ripensato al passivo; sarà il veicolo a guidarci.
Quanto tempo rimarrà ancora prima che il mondo della riparazione subisca questo cambiamento e come impatterà sull’attuale modo di lavorare?
Lo so che potrebbe sembrare un tema troppo lontano nel tempo, ma di contro sappiamo che i nuovi veicoli di recente immatricolazione già montano molte tecnologie di controllo, che in caso di incidente, devono già oggi essere riparate e tarate.
Pochissimi sono attualmente i riparatori in possesso di strumentazioni in grado di tarare un radar montato su di un veicolo, ancora meno coloro che hanno iniziato i corsi di formazione per farlo.
La riparazione sta correndo su strade diverse da quelle tradizionali e alla propulsione meccanica si sta sostituendo quella elettrica, cambiando di fatto l’approccio della riparazione e dei ricambi necessari per effettuare interventi.
Sarà certamente un cambiamento progressivo, che comporterà importanti investimenti per le officine che vorranno partecipare al mercato della riparazione.
Bisognerà capire se sarà una opportunità per tutti gli operatori, che sino ad oggi hanno fatto la ricchezza della possibilità di scelta dell’automobilista; sempre che venga loro lasciata anche questa possibilità nel futuro.

Photogallery