Trade News | 04 Maggio 2018 | Autore: redazione

Autodis Italia Holding prosegue l'espansione con G-Group
Autodis Italia Holding (Gruppo Autodis) annuncia il progetto di acquisizione di G-Group, uno dei gruppi leader in Campania nella distribuzione di ricambi e carrozzeria auto.
Con sede a Napoli, G-Group è una impresa familiare fondata nel 1948 dalla famiglia Carini. Nel 2017, G-Group ha realizzato un fatturato di 55 milioni di euro, in crescita di oltre il 10% rispetto al 2016.
L’operazione di acquisizione prevede contestualmente l’ingresso della famiglia Carini nel capitale di Autodis Italia Holding, con una quota di minoranza.

L’accordo s’inserisce nella strategia del Gruppo Autodis Italia di perseguire la propria crescita anche attraverso acquisizioni sul territorio nazionale di aziende leader nelle proprie aree geografiche, mantenendo un forte coinvolgimento degli imprenditori e del management delle società acquisite.

Dopo le acquisizioni di Ovam, Topcar, Ricauto, nel 2017, Sarco e F.G.L. nel primo quadrimestre del 2018, Autodis Italia Holding estende con G-Group le proprie attività nel centro e sud Italia, consolidando la propria posizione di secondo attore principale sul mercato italiano della distribuzione indipendente e raggiungendo un fatturato totale aggregato su base annua di circa 190 milioni di euro. Questa operazione rafforzerà ulteriormente la collaborazione già in essere fra Autodis Italia e Giadi Group.

L’operazione sarà perfezionata successivamente all’ottenimento dell’autorizzazione da parte dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato.
Paolo Morfino, amministratore delegato di Autodis Italia Holding, unitamente a Italo Baruffaldi e Claudio Pagnin, amministratori e azionisti di minoranza della società, dichiarano: “Siamo molto lieti di accogliere la famiglia Carini nella compagine societaria di Autodis Italia Holding. L’ingresso di G-Group ci consentirà di accelerare la nostra crescita in Italia, facendo leva sulle competenze e la professionalità riconosciute del gruppo e della famiglia Carini, oltre che sulla loro conoscenza approfondita del mercato. Questo nuovo assetto ci consentirà altresì di proporre un’offerta ancora più vasta, competitiva e attraente alla nostra clientela, su tutto il territorio italiano”.

La famiglia Carini dichiara: “Conosciamo bene Autodis Italia, con la quale abbiamo già una proficua collaborazione tramite Giadi Group. Siamo molto soddisfatti dell’accordo raggiunto con loro e di poter contribuire al progetto di espansione di Autodis in Italia, continuando a sviluppare G-Group in sinergia con il resto del Gruppo”.

L’operazione è stata svolta con il supporto di Antonio Ficetti Gasco, partner di New Deal Advisors, che ha eseguito la due-diligence finanziaria; Edoardo Fea, partner di RSM Studio Palea Lauri Gerla, che ha realizzato la due-diligence fiscale e tributaria, e l’avvocato Gianluca Grazioli, partner di Giliberti Triscornia e Associati, che ha curato la parte legale, in stretta collaborazione con i consulenti della famiglia Carini, il dott. Renato Orlandi e l’avvocato Guido Castellano.

La voce alle aziende: i protagonisti in pillole

Autodis Group

Autodis Group, distributore leader del mercato aftermarket indipendente in Europa Occidentale, principalmente attivo in Francia, Italia, Belgio e Paesi Bassi, ha chiuso il 2017 con ricavi consolidati per 1,3 miliardi di euro e un fatturato complessivo di marchio di 1,9 miliardi di euro*.
Autodis Group è il leader indiscusso nella distribuzione indipendente di ricambi auto in Francia, dove gestisce la più grande rete di distribuzione aftermarket sotto un unico marchio, ed è il secondo player del mercato in Belgio e in Italia. Considerando tutti i mercati in cui opera, il Gruppo lavora con una rete di oltre 4.000 officine convenzionate e circa 70.000 clienti.

*Il fatturato complessivo corrisponde ai ricavi generati dal Gruppo Autodis tramite le proprie controllate più quello generato dalla rete di distributori indipendenti di Autodis Group, quello dei distributori API controllati da Doyen, l'impatto pro forma delle vendite di Autodis Italia, AD Belux e API Aube e Marne e l'impatto dei ricavi generati dalla rete Mondial Pare-Bris. L'importo aggiunto corrisponde, in ciascun caso, alla quota del fatturato non registrata a livello di Gruppo Autodis.

Autodis Italia
Il Gruppo Autodistribution ha effettuato il suo ingresso nel mercato italiano nel maggio 2017 con la creazione di Autodis Italia Holding S.r.l., della quale detiene il 55% delle quote, e l’acquisizione tramite tale società del Gruppo OVAM, Ricauto e Topcar, distributori leader nel Nord Ovest e Nord Est Italiano. Nel novembre 2017 è stata creata la centrale di acquisti Autodis Italia Acquisti S.r.l. e nel primo quadrimestre del 2018 sono state acquisite Sarco S.r.l., di Padova, e F.G.L. S.r.l., di Milano. Con 9 stabilimenti dislocati nel nord e centro Italia, più di 150.000 referenze disponibili e più di 230 collaboratori, Autodis Italia genera un fatturato su base annua di oltre 135 milioni di Euro e gestisce in stretta collaborazione con i ricambisti partner i network Bosch Car Service, AutoCrew, Point Service, AD Service e GService, contando circa 1.000 officine affiliate.

G-GROUP
Fondato nel 1948 con sede a Napoli, in Campania, G-GROUP è un distributore leader nel centro e sud Italia di ricambi meccanici e carrozzeria. Socio GIADI, con una piattaforma di distribuzione di oltre 10.000 m2 e circa 100 dipendenti, G-Group commercializza più di 100 marchi e dispone di 160.000 referenze attive a magazzino. Il Gruppo, con il marchio G-Master, propone anche corsi di formazione e attrezzature alle officine. Dal 2012, G-Group ha avviato la commercializzazione di due private labels: X-Energy, per i ricambi meccanici, e 3.0 Tech per i lubrificanti, che hanno guadagnato una solida reputazione sul mercato italiano. G-GROUP è distributore del marchio Bosch e Magneti Marelli e sviluppa le reti di officine Bosch Car Service, AutoCrew, Checkstar, AD Service e GService, per un totale di circa 300 officine.

Photogallery

Tags: ovam ricauto top car autodis italia holding G-Group

Leggi anche

ARTICOLI | 01/05/2017La nuova rotta di Ovam Group