Articoli | 11 Novembre 2019 | Autore: David Giardino

​Sogefi: professionisti verso il futuro

Un’intervista a Laurent Hebenstreit, CEO di Sogefi, incontrato a Equip Auto a Parigi: quattro chiacchiere sul futuro dell’automotive con chi questo futuro sta contribuendo a costruirlo.

 

Protagonista del mercato automotive, Sogefi Group vanta una comprovata esperienza nel duplice ruolo di componentista di primo impianto e produttore di ricambi per l’aftermarket indipendente. In particolare, l’azienda nel suo insieme progetta, sviluppa e produce sistemi di filtrazione, componenti per sospensioni e impianti di gestione aria e raffreddamento motori.

La presenza in questi settori offre a Sogefi un punto di osservazione privilegiato sui cambiamenti del mercato e suoi sviluppi. Di questo appunto abbiamo parlato con Laurent Hebenstreit, CEO di Sogefi, che vanta 30 anni di esperienza nel settore automotive.
 
Quale opinione si è fatto sul futuro della mobilità, e che impatto avrà in termini di circolante complessivo?
Per dare una risposta alla sua domanda, bisogna sempre chiedersi di che arco temporale stiamo parlando; non vedo nel prossimo futuro uno stravolgimento dei numeri e della tipologia di motorizzazioni che caratterizzano il circolante attuale.
L’impatto che nuovi modelli ibridi od elettrici avranno sul circolante saranno molto progressivi nel tempo; così come lo spostamento dalla proprietà del veicolo al solo utilizzo.
Le risposte su quale modello e con quale motore dipenderanno molto dall’utilizzo e dalla percorrenza di cui l’automobilista ha bisogno.
 
L'elettrificazione che impatto avrà sui motori termici e in generale sui consumi di ricambi (in generale, ma anche sui prodotti di filtrazione)?
L’elettrificazione sia essa espressa dai modelli ibridi sia da quelli full elettrici, comporta alte temperature e tecnologie di raffreddamento evolute.
La filtrazione avrà un ruolo determinate per il mantenimento dell’efficienza di sistema e il valore dei ricambi crescerà necessariamente.
Inoltre, dal nostro punto di osservazione come produttori di tecnologia per la mobilità, non vediamo come sola soluzione ecosostenibile la batteria per la propulsione, ma siamo fortemente coinvolti anche nello sviluppo di tecnologie a cellule idrogeno che già dal 2021 risponderanno pienamente ai requisiti ambientali imposti dalla Commissione Europea. Con questa tecnologia la disponibilità di alternative dei costruttori auto sarà ulteriormente arricchita.
 
Stiamo vivendo un periodo di concentrazioni che coinvolge i costruttori auto, componentisti e distribuzione; ritiene che per il futuro Sogefi potrà rimanere al di fuori da questo fenomeno aggregativo?
Siamo un’azienda che ha investito molto nei tre settori nei quali abbiamo competenza e le nostre tecnologie nel campo del raffreddamento, filtrazione e sospensione dei veicoli sono all’avanguardia e con prospettive di crescita sui clienti premium del mercato.
Stiamo comunque lavorando su un ampliamento di competenze sul quale daremo informazioni nel momento opportuno.
 
Secondo Lei, i motori termici diesel riusciranno a riscattare la loro fama dopo il “dieselgate”?
I costruttori auto hanno una forte conoscenza e sensibilità dell’impatto che i loro veicoli hanno sui dei gas nocivi e quelli responsabili dell’effetto serra; questa coscienza li ha fatti lavorare a dei progetti sempre più responsabili per abbassare le emissioni dei loro veicoli.
La loro priorità in questo momento è trovare la migliore soluzione per ottenere questo risultato.
I motori diesel e la loro combinazione con tecnologie ibride (sia a celle di idrogeno sia batteria) rispondono bene a questa esigenza.
 
Auto connessa e manutenzione; il mercato sarà sempre più controllato dagli OE?
Non credo che il mercato premierà preferibilmente la rete del costruttore, ma coloro che seguiranno l’evoluzione del mercato certamente; il tempo della trasformazione del circolante darà al mercato della riparazione indipendente il tempo per adeguarsi alle nuove tecnologie coinvolte per tutti coloro che vorranno investire sul proprio lavoro e sulla propria professionalità.
Così come Sogefi, che è una azienda di imprenditori, trova la propria ragione di esistere nella propria competenza e tecnologia, così tutta la filiera coinvolta troverà una propria collocazione nel mercato se avrà la volontà di continuare a investire sulla propria professionalità.
 
 
Filtro carburante in plastica riciclata: Trofeo d’Oro per Sogefi a Equip Auto 
La collaborazione tra Sogefi, Gruppo PSA e Solvay Technyl® è valsa a Sogefi l’assegnazione del Trofeo d’oro dell’International Grands Prix per l'innovazione automobilistica di Equip Auto 2019 per la categoria primo equipaggiamento.
Il prodotto è stato riconosciuto dalla giuria dinternazionale dei Grands Prix come la migliore innovazione nella sua categoria, dimostrando che nell'industria automobilistica l'economia circolare è possibile.
Il filtro carburante, infatti, è stato realizzato in plastica interamente riciclata in poliammide 66, utilizzando un innovativo composto plastico riciclato al 100% dagli scarti degli airbag: il materiale, sottoposto a svariati test di validazione su banco, si è confermato come pienamente compatibile con il processo di iniezione standard.
Il gruppo automobilistico ha guidato la scelta delle parti testate (applicazione motore DV e DW Euro6b), ha omologato la classe del materiale e valutato l'intero processo di convalida. È stata inoltre condotta un'analisi del ciclo di vita (LCA), che ha evidenziato i benefici: un risparmio di 483 tonnellate di CO2 per anno, ossia un risparmio del 32% rispetto al filtro tradizionale.
È stato quindi dimostrato che l'economia circolare e i benefici sostanziali per l'ambiente potrebbero essere introdotti in applicazioni importanti e stringenti, richieste dai motori di ultima generazione.
Sogefi sta valutando di estendere l'uso della plastica riciclata alla sua gamma di prodotti aftermarket (nei marchi Purflux, FRAM®, Tecnocar, CoopersFiaam e SogefiPro) ed è disponibile a lavorare a stretto contatto con tutti i produttori di auto per adottare questa soluzione per i filtri futuri.


 
Novità a catalogo
Arricchiti di ben 500 nuove referenze lanciate nel corso del 2019, i nuovi cataloghi filtrazione IAM di Sogefi sono disponibili per tutti i brand del gruppo: Tecnocar, Purflux, Fram® e CoopersFiaam.
Con oltre 6.700articolo, i cataloghi trovano applicazione su auto e veicoli commerciali leggeri, assicurando una copertura per quasi 12 milioni di mezzi del circolante europeo.
Tra le novità segnaliamo: il filtro carburante di PSA 1.5 BlueHDi, Fiat Multijet Engine; il filtro dell'olio di Mercedes Classe A 2018, BMW X2, Peugeot 508 II, PSA 1.5 BlueHDi, Alpine A110 II; il filtro aria motore di Fiat 500X, Ford Mondeo V, Opel Combo D / Vauxhall Combo Mk III; e il filtro abitacolo di Opel Astra K, Audi A4 2018, Porsche 911 2017, Hyundai Tucson, Hyundai i30 III 2017 e Toyota Yaris III 2018.
Tutti i cataloghi sono disponibili in versione cartacea e online, anche tramite l’app del marchio.

 

Photogallery

Tags: filtri Sogefi equip auto 2019

Leggi anche