News | 31 Luglio 2020 | Autore: in collaborazione con Denso

Denso, consigli per una corretta manutenzione dei condensatori Subcool
I condensatori Denso Subcool (condensatori multiflow con filtro derdratatore integrato) nascono nel 2002 per rispondere alle esigenze di riduzione del peso dei veicoli; negli anni questi componenti hanno subito alcune trasformazioni che hanno portato a un netto miglioramento delle loro prestazioni. Oggi questi condensatori sono montati di serie su quasi tutte le applicazioni più recenti.

Ricordiamo infine che Denso nel 2012 ha sviluppato anche un nuovo modello di condensatore ancora più compatto ed efficiente: il condensatore Global Inner-fin (GIC).
 

Caratteristiche dei condensatori Subcool

I condensatori Subcool sono contraddistinti da due principali caratteristiche tecniche: la parte superiore e quella centrale sono costituite da un'area di liquefazione del refrigerante basata sulla tecnologia multiflow. L’area inferiore, cosiddetta "super cool", ha uno scambiatore di calore aggiuntivo per raffreddare ulteriormente il refrigerante in stato liquido.

Il livello di prestazioni dell'unità Subcool consente al refrigerante di raffreddarsi a un livello inferiore rispetto a un condensatore standard, ottimizzandone la successiva evaporazione, migliorando le prestazioni di raffreddamento del sistema A/C e riducendo al contempo il consumo di carburante.
Il design è invece caratterizzato dalle cosiddette alette Louver, che ottimizzano lo scambio di calore e garantiscono la condensazione del refrigerante.
 

Vantaggi

Il minor peso e le prestazioni superiori rispetto ai condensatori tradizionali permettono un sensibile risparmio di carburante, oltre che una minor quantità di refrigerante.
Inoltre, l’integrazione della funzione del filtro deidratatore nel design del condensatore Subcool grazie a un modulo cilindrico laterale, riduce il numero di connessioni e di conseguenza la possibilità di perdite nel sistema A/C.

I condensatori Subcool di Denso per l’aftermarket sono prodotti di qualità OE, affidabili e resistenti, con una gamma che garantisce oltre l’85% di copertura del circolante.
 

Sostituzione elemento filtrante

Quando il sistema A/C viene aperto, l'elemento filtrante all'interno del modulo filtro deve essere sostituito; alcuni modelli di vetture sono però dotati di condensatori Subcool con moduli filtro completamente sigillati e in questo caso la sostituzione deve riguardare l'intero condensatore Subcool.

Per evitare possibili perdite a seguito della sostituzione dell'elemento filtrante nel caso in cui la corrosione renda difficile l'apertura delle connessioni del modulo filtro, diventa necessaria la sostituzione dell’intero condensatore.
 

Manutenzione ordinaria

Perché il condensatore Subcool sia sempre al massimo della sua efficienza occorrono degli interventi di manutenzione ordinaria, quali la pulizia del condensatore (almeno ogni due anni), così da rimuovere lo sporco accumulato tra il condensatore e il radiatore.

Un condensatore Subcool può essere pulito con un detergente speciale (livello di ph compreso tra 3 e 7) e un getto d'acqua a bassa pressione. Quando lo sporco è eccessivo, per pulirlo accuratamente deve essere rimosso.
 

Usura e sostituzione del condensatore

Agenti inquinanti, sporcizia, ma anche i getti di acqua ad alta pressioni utilizzati per il lavaggio del veicolo possono contribuire a minare nel tempo le prestazioni del condensatore e di conseguenza di tutto l’impianto A/C.

Qualora le prestazioni di raffreddamento fossero scarse, la pressione e la temperatura di compressione rimarrebbero costantemente a un livello superiore – generando un maggior carico sull’intero sistema e un aumento dell’usura delle connessioni e dei tubi. Anche l’utilizzo di additivi e lubrificanti non idonei possono corrodere i tubi in gomma dissolvendo particelle di gomma fine. Quando il gas caldo compresso dal compressore viene iniettato nel condensatore ad alta pressione, tali abrasioni si accumulano nel condensatore e iniziano gradualmente a ostruire i minuscoli canali di raffreddamento. Tuttavia, il lavaggio non è sufficiente a risolvere il problema in quanto rimuove le particelle ma non risolve il problema dell’abrasione della gomma.

Nei casi in cui si riscontra l'abrasione della gomma nel sistema di climatizzazione il condensatore deve essere sempre sostituito.
Infine, utilizzando un apposito sight glass (vetro spia), è possibile controllare facilmente le condizioni della miscela di refrigerante e olio compressore al fine di determinare le effettive riparazioni necessarie all’impianto.

Photogallery

Tags: denso condensatore

Leggi anche