Approfondimenti | 03 Settembre 2018 | Autore: Approfondimento tecnico in collaborazione con Melett

Melett: il DPF può causare un guasto al turbocompressore?

La relazione tra turbocompressore e filtro antiparticolato è molto stretta, tanto che un turbocompressore difettoso può arrecare danni al DPF, così come lo stesso DPF è responsabile di molti guasti ai turbocompressori.
Automechanika hall 5.1 stand D66.
 

Il filtro antiparticolato (DPF) è stato introdotto sui veicoli diesel per soddisfare i requisiti anti-inquinamento stabiliti dalla normativa in materia di emissioni Euro 4. Un DPF può ridurre di circa l'85% il particolato presente nel gas di scarico, ma se è ostruito le cose cambiano radicalmente.

Antony Collins, tecnico specialista di Melett Ltd., analizza quale effetto possa avere un DPF ostruito su un turbocompressore.
 

Perché il DPF danneggia il turbo

Un DPF ostruito impedisce al gas di scarico di attraversare il sistema di scarico alla velocità richiesta. Di conseguenza, la pressione di ritorno e il gas di scarico fanno aumentare la temperatura all'interno del corpo centrale della turbina, causando problemi di efficienza, perdite di olio, carbonizzazione dell'olio interno e fuoriuscita di gas di scarico dal turbocompressore stesso.

Guidando si potrebbe avvertire un ritardo nella risposta o una sovraspinta del turbocompressore stesso.
 

Come riconoscere una turbina danneggiata per un DPF ostruito

È fondamentale identificare il tipo di guasto e determinare se la causa scatenante sia un problema legato al DPF. Se l'intero gruppo rotante non presenta problemi e ci sono segnali di surriscaldamento al lato turbina del core-assy, allora il guasto sarà probabilmente dovuto all'eccessiva temperatura del gas di scarico, indice di un DPF ostruito.
Lo scolorimento di parti all'interno del core-assy (CHRA) evidenzia di solito che il calore si sprigiona attraverso il core-assy stesso dal lato della turbina.

La temperatura eccessiva è causata dalla pressione di ritorno che costringe il gas di scarico attraverso le guarnizioni degli anelli turbina / compressore e quindi all'interno del core-assy stesso. L'elevata temperatura del gas di scarico impedisce un efficace raffreddamento dell'olio all'interno del core-assy e carbonizza l'olio stesso, riducendo la portata dell'alimentazione dell'olio e causando usura al sistema dei cuscinetti.
Tale tipo di problema può essere spesso confuso con la mancanza di lubrificazione o con la presenza di olio contaminato.

L'accumulo di carbonio nella scanalatura dell'anello turbina / compressore dal lato turbina è causato dall'aumento di temperatura del gas di scarico.
L'accumulo di carbonio nella valvola wastegate del corpo centrale turbina e nel meccanismo VNT limiterà il movimento delle leve e influirà negativamente sulle prestazioni del turbocompressore.
In alcuni casi, è possibile notare l'accumulo di fuliggine sul lato posteriore del piatto olio attraverso il quale il gas di scarico si è infiltrato a forza (vedi foto 1).
Un altro segnale sono le perdite di olio all'interno del corpo centrale del compressore, che possono verificarsi a causa del gas di scarico che preme e si immette nel core-assy dal lato turbina e spinge l'olio attraverso la sua guarnizione sul lato compressore (vedi foto 2).
Un ulteriore caso può essere il guasto alla girante della turbina dovuto allo stress causato da un alto numero di cicli (HCF) dovuti all'aumento di temperatura.
 

Come prevenire i guasti

Occorre tempo perché un DPF si ostruisca, a volte anni. Una volta ostruito, però, i guasti al turbocompressore possono verificarsi molto rapidamente. Se non viene verificato un possibile problema al DPF durante la sostituzione di un turbocompressore, esiste un'elevata probabilità che il turbocompressore sostituito presenti poi lo stesso guasto, dato che sarà introdotto nella stessa catena di funzionamento della precedente unità.

Una volta stabilito se il DPF è ostruito è bene rivolgersi a uno specialista per una consulenza e sostituirlo. Qualora il DPF sia ostruito, è necessario sostituire sempre il core-assy del turbocompressore per prevenire possibili perdite di olio.
Verificare anche che l'attuatore disponga della sua piena capacità di movimento, in particolar modo se elettrico, dato che i componenti interni possono essere usurati.

 

Chi è Melett

Melett è un’azienda specializzata nel mercato dei ricambi di alta precisione per turbocompressori ed è rinomata a livello internazionale per la produzione di turbocompressori e ricambi della stessa qualità degli originali, dando così modo all'aftermarket dei turbocompressori di effettuare riparazioni di massima qualità.
 

 

Photogallery

Tags: turbocompressore FILTRO ANTIPARTICOLATO melett automechanika 2018 automechanika frankfurt

Leggi anche

ARTICOLI | 29/08/2018Nuova gamma turbo per M&D Group