News | 30 Aprile 2020 | Autore: in collaborazione con NGK Spark Plug

Auto a gas, GPL LaserLine: ecco la linea di candele NGK
Lo sviluppo delle alimentazioni a GPL e CNG ha spinto NGK Spark Plug a muoversi anche in questa direzione, sviluppando candele ad hoc per ottimizzare le performance di queste alimentazioni.

Parliamo, quindi, della serie LPG LaserLine dell’azienda: la gamma di candele aftermarket progettata appositamente per le auto a gas.
Ma prima NGK ricorda che i carburanti GPL e metano, che sono sempre più popolari, sono un'opzione economica, a bassa emissione per le auto, ma gravosi per l'accensione: presentano delle sfide.

Le candele GPL LaserLine di NGK Spark Plug realizzate su misura offrono perciò una valida soluzione. Vediamo perché.
 

GPL LaserLine: la soluzione su misura per i motori a gas

LPG LaserLine comprende otto referenze con doppi metalli preziosi, per una copertura del mercato europeo di circa il 95%. "Queste candele sono ideali per alimentazioni a GPL, metano e bi-fuel", afferma Kai Wilschrei, senior manager technical services Aftermarket EMEA di NGK Spark Plug Europe.

“Prima di colmare questa lacuna, le uniche candele disponibili per i motori a gas erano quelle utilizzate e più adatte ai motori benzina. Ciò ha causato alcuni inconvenienti per i motori a gas. Uno dei problemi era il rischio di guasto della bobina di accensione. Poiché la combustione del gas è più difficile da ionizzare rispetto alla combustione della benzina, è necessaria una tensione di accensione più elevata (che aumenta fino a 7.000 Volt) per i motori a GPL e GNC. Ciò può creare le condizioni per il guasto della bobina di accensione, nonché per la sua prematura usura. Le candele LPG LaserLine contrastano questo problema, grazie ad un elettrodo centrale con riporto all’Iridio permettendo allo stesso di essere molto sottile e un elettrodo di massa con un chip di platino”, conferma Wilschrei. "Questo concentra la tensione su un punto, di modo che la scintilla di accensione passi a una tensione inferiore, riducendo in definitiva lo stress sulle bobine di accensione."

Un'ulteriore sfida risolta dalle candele LPG LaserLine è quella della corrosione; durante la combustione, nei motori a gas si formano acidi aggressivi che possono corrodere il filo della candela, ciò può rendere difficile rimuovere la candela alla fine della sua durata o danneggiare la testa del cilindro. "Le candele LPG LaserLine sono dotate di uno speciale rivestimento per garantire una protezione ottimale dalla corrosione degli acidi, assicurando che possano essere facilmente rimosse anche dopo 60.000 km", rivela l'esperto.

In effetti, 60.000 km è l'intervallo raccomandato per la sostituzione delle candele LPG LaserLine. Questo è notevolmente più lungo rispetto a quello delle candele standard utilizzate nei motori a gas, che in genere devono essere sostituite due volte prima di quanto lo sarebbero normalmente in un motore a benzina. La loro resistenza è dovuta ai due elettrodi in metallo prezioso, che nonostante il loro piccolo diametro, non sono quasi mai soggette a erosione. "La gamma offre un vero risparmio a lungo termine", afferma Wilschrei. "Non solo i proprietari di veicoli a gas risparmiano denaro dovendo acquistare meno spesso delle nuove candele, ma riducono anche i costi di installazione."

La gestione del calore è un'ulteriore sfida. La maggior parte dei veicoli a GPL e metano hanno la possibilità, con il semplice tocco di un pulsante, di passare dal gas alla benzina come fonte di alimentazione. La temperatura di combustione nei motori a gas, tuttavia, è superiore rispetto a quelli a benzina. Ciò significa che la candela deve essere in grado di dissipare più calore, motivo per cui le candele LPG LaserLine hanno un regolatore di calore. "Aumentare semplicemente il valore del calore comporterebbe il rischio di creare depositi carboniosi nelle candele quando il motore è alimentato a benzina, poiché, a seconda delle condizioni di guida, potrebbero non essere in grado di raggiungere la temperatura necessaria per attivare l'autopulizia", avverte Wilschrei. “Per evitare che ciò accada, le candele LPG LaserLine funzionano con un maggior intervallo di temperature, che consente loro di funzionare in modo ottimale sia a gas sia a benzina senza surriscaldamento o depositi."

Kai Wilschrei è orgoglioso di questa tecnologia avanzata. “In NGK Spark Plug, abbiamo una risposta a tutte le esigenze speciali di GPL e metano. Le nostre candele per veicoli a gas offrono una copertura aftermarket molto elevata, per quasi 100 milioni di veicoli in Europa. Indipendentemente dall'ambito, anche di nicchia, siamo sempre interessati nello sviluppo della tecnologia di accensione ottimale per soddisfare le esigenze di ogni veicolo."
 

LPG LaserLine: la linea in pillole

1. Elettrodi ad alte prestazioni: gli elettrodi con doppio metallo prezioso brevettati non si erodono in condizioni di combustione del gas, prolungando le prestazioni.
2. Svolgimento delle bobine di accensione: l'elettrodo centrale sottile da 0,6 mm in Iridio funziona con una bassa tensione di accensione, riducendo lo stress sulle bobine di accensione. La fiamma si espande anche più velocemente, favorendo l'accensione.
3. Comportamento termico ottimale: il nucleo di rame all'interno dell'elettrodo di terra dissipa più calore, regolando le alte temperature di combustione del gas.
4. Spazio tra gli elettrodi preimpostato: uno spazio di 0,8 mm tra gli elettrodi evita la regolazione manuale.
5. Schermo termico protettivo: l'esclusivo rivestimento in lega di cromo protegge l'alloggiamento dalla corrosione, salvaguardando la durata della candela.
 
Lo sapevi che…

Sebbene i veicoli a GPL siano disponibili così in origine, è più comune che vengano convertiti. Ciò richiede l'installazione da parte di un'officina di un secondo sistema di alimentazione. A seconda del paese, la trasformazione di un motore a benzina in GPL può richiedere fino a sette giorni di lavorazione e costare tra i 1.000 e i 3.000 euro.
Quando un'auto viene convertita a gas, spesso il serbatoio del GPL viene collocato nel bagagliaio al posto dello pneumatico di scorta; alla partenza, il veicolo utilizza la benzina, il che significa che serve ancora un po' di carburante nel serbatoio principale. Quando il motore si riscalda, dopo circa un chilometro, l'auto passa automaticamente al GPL. Percorsi più lunghi possono essere affrontati senza fare rifornimento, perché quando il serbatoio di GPL si svuota, l'auto ritorna automaticamente alla benzina. Anche le auto ibride possono essere convertite al GPL, rendendole più economiche da guidare e ancora più rispettose dell'ambiente.
La conversione di un veicolo in metano è più costosa: a causa dello stato gassoso del carburante, un serbatoio CNG di solito occupa più spazio nel bagagliaio, dove viene normalmente montato; comunque molto spesso viene già fornito come primo impianto dalle case auto. Come accade nei veicoli GPL, è possibile passare dal metano alla benzina; inoltre i veicoli più moderni possono partire a freddo direttamente con il metano, eliminando del tutto la necessità della benzina.

Photogallery

Tags: auto gpl e metano candele ngk

Leggi anche