News | 18 Dicembre 2020 | Autore: redazione

LKQ Europe per la tutela dell’ambiente: riduzione di CO2 con eFuel Alliance

Per favorire la riduzione di emissioni di CO2, LKQ Europe promuove l’uso di carburanti sintetici ed entra a far parte di eFuel Alliance.


 

LKQ Europe a dicembre è entrata a far parte di eFuel Alliance e.V., una realtà con sede a Berlino aperta a tutte le aziende e associazioni che promuovono attivamente l'uso di carburanti “climaticamente neutri” (e-fuel) per le flotte, allo scopo di raggiungere gli obiettivi di tutela ambientale e climatica in Europa.

Arnd Franz, CEO di LKQ Europe, dichiara: "I carburanti sintetici, insieme alla mobilità elettrica, rappresentano un significativo contributo per ottenere una riduzione immediata delle emissioni di CO2 nelle flotte di veicoli. Questi carburanti possono contribuire in maniera efficace sia in termini ecologici sia economici alla protezione del clima".

Secondo uno studio di LKQ, l’introduzione nel parco circolante di nuovi veicoli e la tendenza verso l'elettromobilità da soli non raggiungeranno gli obiettivi climatici dell'UE entro il 2030 in termini di riduzione delle emissioni di CO2. Questo perché la quota di veicoli elettrici prevista nei 21 maggiori mercati europei e nel Regno Unito nel 2030 dovrebbe essere circa il 9,8 percento.

Secondo LKQ, quindi, i combustibili sintetici sono essenziali per gestire in modo sostenibile le flotte esistenti, poiché il motore a combustione continuerà a essere presente ancora per molti anni a venire. Gli e-fuel non richiedono nuove infrastrutture per le stazioni di rifornimento o nuovi propulsori; ciò li rende un'alternativa a misura di consumatore in termini di investimento rispetto ai costi elevati richiestio per l'acquisto di un veicolo elettrico. Inoltre, l'autonomia, i tempi di ricarica e le opzioni di ricarica dei veicoli elettrici non sono ancora pratici per molti automobilisti.

"Soprattutto nelle regioni con infrastrutture ancora scarse, il motore a combustione rimane di fondamentale importanza. Sulla base di un concetto equilibrato di promozione a livello europeo, l’impiego di carburanti climaticamente neutri come l’e-fuel e quello di alimentazioni e-diesel o e-benzina, potrebbe dare un contributo significativo ed economicamente vantaggioso alla riduzione di CO2", sottolinea il CEO di LKQ Europe.

LKQ ha un approggio aperto alle nuove tecnologie ed è impegnata nella promozione di altre fonti energetiche rispettose del clima, come l'idrogeno, il biogas o il metano prodotto sinteticamente da energie rinnovabili, nonché l'uso di combustibili E20. La soluzione deve funzionare per i consumatori. La neutralità tecnologica può aiutare a promuovere la concorrenza al fine di raggiungere gli obiettivi di CO2.

"In qualità di membri di eFuel Alliance, abbiamo interessi comuni e possiamo lavorare insieme e rappresentare una realtà forte e influente in Europa per promuovere per il successo della transizione energetica. L'accettazione degli e-fuel come parte essenziale della politica climatica europea è l'obiettivo più importante di questa iniziativa, insieme alla produzione industriale di combustibili sintetici da energie rinnovabili", afferma Arnd Franz, spiegando l'impegno di LKQ Europe.

 

Informazioni su LKQ Europe

LKQ Europe, una consociata di LKQ Corporation, è uno dei protagonisti principali nella distribuzione di parti di ricambio per autoveicoli, furgoni commerciali e veicoli industriali in Europa.

Attualmente impiega circa 27.000 persone in oltre 20 paesi europei con una rete di 1.000 filiali e oltre 5,2 miliardi di euro di entrate nel 2019. L'organizzazione fornisce circa 100.000 officine indipendenti in oltre 20 paesi.

Il gruppo è rappresentato da Euro Car Parts, Fource, RHIAG Group, Elit, Auto Kelly, STAHLGRUBER Group, nonché dallo specialista in soluzioni di riciclaggio, Atracco. Inoltre, LKQ detiene anche una partecipazione di minoranza in Mekonomen.

Photogallery

Tags: lkq alimentazioni alternative e-fuel eFuel Alliance

Leggi anche