Approfondimenti | 16 Ottobre 2018 | Autore: ​Approfondimento tecnico a cura di Tekné Consulting

Problemi con il carburante sulle Passat bifuel

Un malfunzionamento tipico delle vetture VW Passat a doppia alimentazione benzina e metano è la difficoltà in avviamento. Potrebbe essere necessario sostituire gli iniettori.

 

Il costo del carburante è indiscutibilmente quello a cui gli automobilisti pongono maggior attenzione. A fronte di ciò, sono in molti a scegliere vetture con carburanti alternativi (metano e GPL in primis), che costituiscono dei validi sostituti a benzina e gasolio, proprio in virtù del loro prezzo molto concorrenziale. Questi veicoli bifuel rappresentano un buon compromesso prezzo - prestazioni del motore che, come è noto, tendono a essere inferiori rispetto alle performance di un motore alimentato con i carburanti tradizionali.

Anche questi impianti, purtroppo, non sono immuni da guasti, spesso fastidiosi da risolvere e a volte molto penalizzanti ai fini dell’uso della vettura. Ci sono poi anche avarie molto singolari.
È quanto succede su VW Passat (anno 2010), con motore a doppia alimentazione benzina e metano caratterizzato dal codice CDGA.

A proposito di avarie fortemente penalizzanti, è proprio questo il caso.
 

Anomalie dopo il rifornimento a metano

Dopo un rifornimento di metano, il motore dapprima presenta difficoltà di avviamento, e poi manifesta strappi durante un eventuale successivo funzionamento a benzina.

Tali condizioni sono accompagnate dalla presenza di un codice guasto principale in centralina motore:
- P305A: modalità di funzionamento a benzina perdita di colpi di combustione riconosciuta.
Il suddetto codice può essere corredato da uno o più codici riguardanti gli iniettori:
- P0301: cilindro 1 perdita di colpi di combustione riconosciuta;
- P0302: cilindro 2 perdita di colpi di combustione riconosciuta;
- P0303: cilindro 3 perdita di colpi di combustione riconosciuta;
- P0304: cilindro 4 perdita di colpi di combustione riconosciuta.

Benché l’inconveniente si sia presentato solo a benzina, non è detto che possa farlo anche con il funzionamento a metano, e a tal proposito occorre verificarlo.
Lo si può fare semplicemente commutando l’alimentazione del motore da benzina a metano e viceversa, attraverso uno strumento di diagnosi che supporti questa operazione.
Qualora il difetto venga riscontrato solo a benzina, il guasto si verifica a causa di iniettori benzina difettosi.
 

Gli iniettori sono da sostituire

L’intervento a cui sottoporre il motore è quello del montaggio di nuovi iniettori ottimizzati, che si riconoscono dalla presenza sul corpo stesso dell’iniettore di un punto di colore verde e/o dalla data di fabbricazione successiva a 0472 (vedi foto).

Le difficoltà in avviamento e il seghettamento del motore sono quindi dovute ai vecchi iniettori, che non aprono con la giusta rapidità, impedendo alla centralina di dosare nella maniera corretta la quantità di benzina.
La sostituzione risolve definitivamente il problema.

A completamento della riparazione, si deve eseguire una pulizia del circuito di alimentazione, utilizzando un additivo multiuso per vetture benzina (in commercio ne esistono tanti, il codice di riferimento per il prodotto VW è G 001 780 M3).
La quantità di additivo da versare nel serbatoio deve essere di 33 ml di prodotto per circa 10 litri di carburante.
Per passare al funzionamento a benzina, come già fatto in precedenza, utilizzare l’apposita funzione dello strumento di diagnosi.

Photogallery

Tags: teknè

Leggi anche

APPROFONDIMENTI | 04/12/2018Smart 451 mhd: problemi di avviamento
APPROFONDIMENTI | 05/09/2018La “strana” ruota fonica di una Focus