Articoli | 11 Ottobre 2019 | Autore: Giacomo Macrì

Equip Auto 2019: l’aftermarket si incontra a Parigi

Ottobre è il mese di Equip Auto: ecco le novità di questa edizione 2019 e i vincitori dei Grands Prix dell’Innovation. Appuntamento a Parigi, dal 15 al 19 ottobre.

 

Il ruolo delle fiere negli anni è cambiato non poco: da semplice luogo di mostra mercato per i prodotti a punto di incontro e osservatorio privilegiato per informarsi sulle tendenze e gli sviluppi tecnologici del settore.

Anche Equip Auto ha seguito questo iter e oggi si propone come un osservatorio a 360° delle tendenze e delle evoluzioni in atto, ponendosi al centro delle sfide del mercato aftermarket.
Le nuove tecnologie saranno sicuramente al centro di questo salone, perché sono proprio queste che stanno cambiando il modo di lavorare nelle officine e nelle carrozzerie e in tutta la filiera.
 

Il focus della fiera

Il trasferimento della manifestazione a Paris Expo Porte de Versailles, nel centro di Parigi, messo in atto dalla scorsa edizione, ha portato ottimi benefici sia in termini di espositori sia di visitatori, spiegano gli organizzatori, permettendo di rilanciare Equip Auto nel contesto internazionale.

La sede, con una superficie espositiva più contenuta rispetto al passato (circa 100.000 mq), permette di visitare meglio tutta la manifestazione e le sue proposte in termini di innovazione e business.

Come spiega Mario Fiems, direttore del salone, la manifestazione ruota attorno a tre concetti fondamentali: il business, le innovazioni e la convivialità. Espositori e visitatori potranno approfondire argomenti e trovare soluzioni in fatto di connettività, elettrificazione dei veicoli, economia circolare, retrofit, efficienza della supply-chain, formazione e occupazione del settore.
Come sintetizza lo slogan “riparare oggi, preparare il domani”, Equip Auto si pone come obiettivo quello di aiutare a capire cosa sta succedendo sul mercato e come prepararsi per il futuro.
 

L’edizione precedente e le previsioni

L’edizione 2019 si preannuncia particolarmente promettente: rispetto al 2017 è aumentata del 4,5% la superficie espositiva; in termini di aziende, sono previsti circa 1.200 marchi (espositori diretti e rappresentati), per un totale di circa 1.000 stand.

La percentuale di nuovi espositori è del 19% rispetto alla superficie totale e del 32% per numero di aziende partecipanti: un dato importante perché significa proporre agli operatori delle novità.

L’Italia è ben rappresentata: la parte da leone la fanno le aziende del settore attrezzature, che sono molto forti anche in Francia. Possiamo considerarli espositori molto fedeli a Equip Auto.
Sul versante dei visitatori, la scorsa edizione ha visto la presenza di 95.000 persone e quest’anno gli organizzatori contano di superare la soglia dei 100.000 operatori, tutti professionisti del settore automotive: riparatori (43%), rappresentanti e rivenditori (33%), operatori nei servizi e utilizzatori finali (11%), industria (10%), organizzazioni, consulenti e stampa (5%).
 

I vincitori del Grands Prix de l’Innovation

Equip Auto è anche il salone dell’innovazione, con l’assegnazione dei trofei dell’innovazione, che vogliono valorizzare le tecnologie emergenti del post-vendita. Vediamo chi sono i vincitori di quest’anno, scelti tra una rosa di 35 candidature selezionate fra le 142 presentate, che ritireranno il premio martedì 15 ottobre, durante il Grand Galà.

ZF si è aggiudicata il Trofeo d’Oro per la categoria “Ricambi, componenti e attrezzature” grazie alla gamma di pastiglie freno TRW Electric Blue per i veicoli elettrici. In particolare, queste pastiglie sono realizzate in un nuovissimo materiale, denominato FMG 53, che permette di abbattere rumorosità, vibrazioni, emissioni inquinanti e la produzione di polvere, assicurando la massima efficienza. La gamma copre il 98% del parco europeo di veicoli elettrici. Il prodotto viene fornito con tutti gli accessori necessari per il montaggio.

Categoria “Attrezzature per la riparazione e manutenzione”: vince il Trofeo d’Oro Mahle Aftermarket con il suo innovativo sistema per la calibrazione ADAS Mahle TechPRO® Digital ADAS. Questa soluzione permette di riprodurre i pannelli in forma digitale utilizzando uno schermo 4K, annullando di fatto le problematiche relative a spazio, tempo e condizione di luce. Il sistema autoadattativo dell’immagine (brevetto Keystone) consente la massima precisione rispetto all’allineamento del veicolo.

Lo smontagomme Hunter Revolution™ Walkaway™ di Provac si aggiudica il premio per la categoria “Pneumatici, accessori ruote e servizi”, grazie a una tecnologia che consente di risparmiare tempo (riducendo a quattro operazioni l’intero processo) e addirittura all’operatori di allontanarsi durante il processo (funzione Walkaway).

Per la categoria “Primo impianto” il premio è stato vinto da Sogefi, per aver realizzato, in collaborazione con Solvay e PSA Group, il filtro carburante del motore DV 1.6l Euro6b utilizzando airbag riciclati.

Per la categoria “Carrozzeria e vernici” il trofeo d’oro dell’innovazione è stato vinto dalla cabina di verniciatura Raptor di Italcan. La tecnologia con raggi infrarossi integrati nelle pareti permettono di ridurre notevolmente i tempi di asciugatura e garantiscono ottimi risultati.

Alla Kärcher il premio per la categoria “Lubrificanti, prodotti per manutenzione, lavaggio, aree di servizio” grazie al nuovo autolavaggio a portale premium CWB 3 Klean! StariQ, dotato di molte funzionalità innovative basate su 13 soluzioni brevettate.

Infine, per la categoria “Servizi per professionisti, mobilità connessa”, il Trofeo d’Oro viene assegnato al Groupe Lacour per SERI, una soluzione innovativa che, sfruttando una tecnologia all'avanguardia, scansiona, calcola ed elenca automaticamente i danni su veicoli ammaccati dalla grandine.
 

I tre assi portanti di Equip Auto 2019

Sulla base delle diverse tematiche, gli organizzatori hanno sviluppato tre focus.
  1. La manutenzione elettronica, la vera rivoluzione che tocca tutti i professionisti della riparazione. La generalizzazione progressiva degli ADAS e la presenza di computer di bordo rendono la capacità tecnologica una delle grandi sfide della riparazione automobilistica di oggi.
  2. Il pneumatico, un vero e proprio ecosistema attorno al quale sono state organizzate tre conferenze specifiche. L’intento è quello di sviluppare questo settore, portando dei contenuti importanti sull’evoluzione del mercato.
  3. Il post-vendita dei mezzi pesanti, un settore che Equip Auto ha sempre trattato ma che è stato trascurato nelle ultime edizioni. Il mercato dà segnali di ripresa e le aspettative sono positive; c’è una buona base sinergica con l’aftermarket auto.

Photogallery

Tags: equip auto equip auto 2019

Leggi anche