News | 21 Giugno 2017 | Autore: redazione

Nexion: joint-venture con la cinese Bright Technology
Ad Autopromotec 2017, il gruppo Nexion con i propri marchi Corghi, HPA Faip, Mondolfo Ferro, Orlandini, Sice, Tecnomotor e Teco, ha annunciato di aver costituito una joint venture, di cui detiene il controllo, con un importante costruttore cinese: Bright Technology.

La joint venture è il frutto di otto anni di collaborazione sempre più stretta tra l’azienda di Coreggio (Reggio Emilia) e il costruttore cinese. Cinzia Corghi, in occasione della conferenza stampa andata in scena ad Autopromotec, ha dichiarato: “Il nostro incontro con Bright Technology è un incontro di due aziende che si completano l’una nell’altra. Il nostro obiettivo grazie anche a questo nuovo accordo è chiaro: essere presenti in tutti i mercati”.

Nasce così un gruppo industriale con un fatturato di oltre 200 milioni di euro e più di 1.300 addetti. La costituzione della joint venture permetterà al gruppo Nexion di affermarsi tra i leader del settore con la presenza in tutti i mercati mondiali, con una gamma completa in tutte le fasce di prodotto, dal top di gamma, all’entry-level, dove l’attuale Bright Technology è un player tra i più importanti e internazionalizzati.

Chi è Bright Tecgnology?
Bright Technology Co Limited è stata fondata nel 1988 ed è oggi riconosciuta come uno specialista focalizzato nella produzione di prodotti per la manutenzione e riparazione di pneumatici. Ha sede a Yongkou all’interno della provincia cinese del Liaoning, rinomata base industriale in Cina, dove il quartier generale Bright detiene un ruolo primario nell’assemblaggio e nel controllo finale dei nuovi prodotti oltre che essere la sede del dipartimento R&D. La capacità produttiva annuale dell’azienda raggiunge le 70.000 unità con esportazioni in più di 180 paesi in tutto il mondo.
 

Photogallery

Tags: corghi tecnomotor nexion

Leggi anche