Approfondimenti | 15 July 2021 | Autore: ​Approfondimento tecnico a cura di Tekné Consulting

Reset particolari su vetture del gruppo Volkswagen

"Reset particolari su vetture del gruppo Volkswagen", l'approfondimento a cura di Teknè Consulting.


Per un tecnico d’officina effettuare procedure di reset sulle vetture è prassi quotidiana, come l’azzeramento della manutenzione, l’inizializzazione di “contatori” elettronici o di alcune categorie di sensori.

Tutte le operazioni sono fatte, per la maggior parte, tramite uno strumento diagnostico; altre volte è sufficiente svolgere anche solo una procedura manuale; in alcuni casi occorre abbinare al reset effettuato con la diagnosi elettronica anche un’operazione manuale, come può capitare se si lavora sulle vetture Volkswagen.
 

Se la spia dell’olio è accesa ma non manca l’olio...

Dunque, si faccia l’esempio di dover sostituire un sensore di livello e temperatura olio su una VW Golf di settima generazione.

La vettura entra in officina con la spia livello olio motore di colore giallo che rimane accesa fissa: questa modalità della spia indica un basso livello dell’olio (vedi figura 1 in Photogallery).
Naturalmente, il tecnico procede con la verifica del livello del lubrificante che invece, contrariamente a quanto segnalato dalla spia, risulta essere corretto.
 

La ricerca del guasto

Viene allora eseguita una ricerca guasti, la quale rileva in centralina motore un codice errore che fa riferimento a un’avaria al sensore prima citato.

Come procedura standard, si passa a verificare massa e alimentazione del sensore e la continuità elettrica dei cablaggi verso la centralina motore.
Per comodità, viene riportato lo schema elettrico di collegamento del componente (vedi figura 2 in Photogallery).

Il sensore è ubicato al di sotto della coppa dell’olio ed è coperto da un isolamento in moquette, ma il connettore dove effettuare le misure è comunque esterno rispetto al rivestimento (vedi figura 3 in Photogallery).
Benché tutti i rilievi elettrici siano nella norma, il codice guasto è comunque attivo e il livello dell’olio non viene visualizzato tra i parametri in diagnosi.

Ad esempio, per il motore 1,6 Tdi (codice CXXB), il parametro del livello corretto del lubrificante motore, verificabile sulla strumentazione diagnostica, è di 52 mm circa, partendo da una soglia minima di 31 mm.
Si evince allora che ci si trova in presenza di un sensore difettoso che deve essere cambiato.
 

Dopo la sostituzione del sensore

Dopo la sostituzione, il tecnico procede con la cancellazione del codice guasto e lo spegnimento conseguente della spia. Ma con grossa sorpresa, pur avendo effettuato tutte le operazioni con assoluta perizia, l’errore in centralina non viene cancellato e la spia rimane accesa. Perché?

In generale, per poter resettare le manutenzioni e impostare il corretto livello olio in centralina motore, per le Volkswagen occorre fare una semplice operazione che però, per quanto scontata e banale, alle volte non viene presa in considerazione, ossia chiudere semplicemente il cofano motore.

Dopo la sostituzione del sensore, il tecnico deve far “leggere” il livello alla centralina motore, cosa che purtroppo non avviene perché semplicemente il vano motore è ancora aperto, con il risultato di avere ancora la spia accesa e l’errore attivo in centralina.

Questa “dimenticanza” è dettata dal fatto che, dopo ogni lavorazione, in officina è consuetudine lasciare il cofano aperto per ultimare i controlli e verificare, ad esempio, i livelli dei fluidi prima della riconsegna del veicolo. Questo modo di procedere, assolutamente corretto e per quanto assodato, con queste vetture non può più essere sottovalutato.
Infatti, una volta chiuso il cofano motore, il livello viene immediatamente letto dalla ECU motore e il codice guasto diviene cancellabile.

Photogallery

Tags: teknè

Leggi anche

APPROFONDIMENTI | 17/06/2021Sistemi e-Hdi: avarie all’impianto
APPROFONDIMENTI | 20/04/2021Relè gestione motore BMW