News | 12 Novembre 2010 | Autore: Redazione

Auto a metano: +78% in quattro anni
Hanno toccato quota 612.211 le autovetture alimentate a metano circolanti in Italia a fine 2009, secondo uno studio dell’Osservatorio Metanauto. Questo dato rappresenta una crescita del 78% rispetto al 2005.
A fine 2009 il parco circolante di autovetture alimentate a metano rappresentava l’1,7% sul totale delle autovetture circolanti in Italia, contro l’1% del 2005. Le auto a metano che possono entrare in officina sono quindi potenzialmente quasi raddoppiate.
Nella tabella si possono vedere i numeri relativi alle singole regioni, dove si nota una forte disomogeneità. “In generale – dichiara Dante Natali, presidente di Federmetano e a capo dell’Osservatorio Metanauto - si può dire che la crescita è stata maggiore nelle regioni in cui il mercato non era ancora decollato”.
A livello generale, la ragione principale di una crescita così rapida è individuata dall’Osservatorio Metanauto negli incentivi statali per l’acquisto di un’auto nuova alimentata a metano di cui è stato possibile usufruire fino al 2009.
Se attualmente i contributi statali non sono stati rinnovati, sono però numerosi gli enti, le amministrazioni locali e le aziende che mettono in campo iniziative di promozione dei carburanti gassosi.
Secondo un monitoraggio effettuato dal Consorzio Ecogas, risultano incentivi in varie zone del nord e del centro del Paese, con provvedimenti di incentivazione finanziaria in numerosi comuni di Lombardia, Emilia Romagna, Piemonte, Toscana, Trentino Alto Adige, Valle d’Aosta, Veneto, Lazio e di esenzione pluriennale dal pagamento del bollo in Piemonte, Liguria, Provincia Autonoma di Bolzano.
Tra l’altro il Consorzio Ecogas, spesso in collaborazione con Assogasliquidi, ha messo a punto un pacchetto di contributi e omaggi che può andare ad arricchire i benefit dei singoli enti/amministrazioni/aziende.

Photogallery