Articoli | 04 Novembre 2019 | Autore: Giulia Margi

Contraffazione? Ecco come riconoscere i cuscinetti NTN-SNR

NTN-SNR si impegna in prima persona nella lotta alla contraffazione: una battaglia condotta in nome della sicurezza. Vediamo come si può combattere questo fenomeno e come riconoscere i prodotti originali dai falsi.

 

Il problema dei ricambi contraffatti coinvolge tutta la filiera e le sue conseguenze possono risultare anche molto gravi in termini di sicurezza. Tra le aziende che si impegnano a fondo per combattere questo fenomeno troviamo NTN-SNR, i cui cuscinetti vengono spesso copiati o contraffatti con tecniche di contraffazione sempre più sofisticate, tanto da rendere difficile riconoscere a colpo d’occhio il prodotto “fake” da quello originale.

Tra l’altro, i cuscinetti sono un componente impiegato in tantissimi settori diversi e l’azienda ha rilevato che anche in paesi e settori dove prima non si era verificato questo problema stanno iniziando a “fiorire” i prodotti contraffatti, con tutte le implicazioni negative in termini economici e di sicurezza.

Per contrastare questo fenomeno, NTN-SNR ha intrapreso un percorso che va dall'azione legale, alla stretta collaborazione con le autorità doganali, fino alla sensibilizzazione dei clienti e dei distributori, senza dimenticare l'innovazione tecnologica.
NTN-SNR è infatti membro della “World Bearing Association”, che riunisce tutti i grandi produttori mondiali di cuscinetti ed è, da qualche anno ormai, particolarmente impegnata in questa battaglia.
 

Prodotti contraffatti: un danno certo

Se sono numerose le motivazioni per sostenere la lotta alla contraffazione, la principale in assoluto è legata al tema della sicurezza.
Se sono evidenti i rischi di montare cuscinetti contraffatti su un mezzo di trasporto (auto, treno o aereo), non vanno sottovalutati quelli legati al mondo industriale, dove l’utilizzo di un prodotto contraffatto rischia di rendere i macchinari imprecisi, inaffidabili e pericolosi.

Così come hanno un peso importante le conseguenze finanziarie dei guasti e delle rotture che possono derivare dall'utilizzo di cuscinetti contraffatti e i rischi per la reputazione aziendale.
 

Fermare i “fake” in dogana

Una delle iniziative portate avanti da NTN-SNR per la lotta alla contraffazione è la stretta collaborazione con le autorità doganali dei paesi in cui si sono verificati dei casi di contraffazione. NTN-SNR, infatti, propone operazioni di sensibilizzazione e formazione degli agenti che lavorano in dogana per individuare i cuscinetti non originali analizzando, ad esempio, gli imballaggi, le modalità di confezionamento, le etichettature e i documenti di spedizione.

In tutti i paesi in cui ha intrapreso delle cause nei confronti dei contraffattori, NTN-SNR si appoggia a studi legali locali che riescono a intervenire più tempestivamente avviando procedure immediate di pignoramento della merce e di incriminazione dei responsabili identificati.

Ad esempio, nel 2015, una spedizione contenente un pallet di 125 pezzi contraffatti è stato pignorato in Italia grazie all'attento intervento della polizia di frontiera, che ha notato delle irregolarità nella confezione e avviato la conseguente azione legale.
 

Sensibilizzare i distributori e gli utenti finali

Un’altra attività fondamentale per contrastare il fenomeno è legata alla iniziative rivolte ai distributori e ai clienti finali. Grazie a campagne di sensibilizzazione e comunicazioni mirate, NTN-SNR informa dei pericoli della contraffazione, sia sul piano della sicurezza e dell'affidabilità dei prodotti, sia per le conseguenze giuridiche e finanziarie che comporta l'utilizzo di un prodotto contraffatto.

Nei paesi più interessati da questo fenomeno, i responsabili e i venditori di NTN-SNR organizzano incontri informativi con i propri partner e distributori autorizzati. Queste sessioni permettono di avvertirli e di fornire loro gli strumenti utili per evitare di subire i danni della contraffazione; rappresentando nel contempo un'occasione per valorizzare le fonti e i circuiti di distribuzione autorizzata.

Inoltre, previo accordo, si possono effettuare dei controlli dei magazzini dei clienti finali o dei distributori, in particolare da parte dei commerciali, che ricoprono un ruolo di monitoraggio e accertamento cruciale sul campo.
 

Etichettatura ed evoluzioni tecnologiche

Per rendere facilmente identificabile il cuscinetto falso da quello originale, NTN-SNR utilizza anche delle soluzioni visive come l'etichettatura dei pezzi, gli imballaggi e codifiche di classificazione speciali.

Ad esempio, possono essere utilizzati degli ologrammi: gli errori commessi dai contraffattori su questi codici permettono spesso di identificare rapidamente le contraffazioni.
Sempre in questa ottica di supporto alla lotta alla contraffazione, NTN-SNR ha sviluppato la tecnologia TechScan’R, progettata per l'assistenza sul mercato auto, che grazie a una semplice scansione mediante smartphone riconosce il prodotto e fornisce la certificazione dell'origine dei prodotti.

Photogallery

Tags: cuscinetti ricambi contraffatti NTN Snr ricambi auto contraffatti

Leggi anche