News | 04 Dicembre 2019 | Autore: redazione

Controlli di sicurezza in inverno, ZF per l’officina: occhio alla tiranteria e alle sospensioni

L’inverno è ormai alle porte e le auto sono messe a dura prova, proprio come i componenti collegati alla sicurezza. Ecco i consigli ZF Aftermarket per gli autoriparatori.

 

Oltre a una particolare attenzione durante la guida, la stagione invernale chiede agli automobilisti una cura maggiore nei confronti del proprio veicolo, mentre per gli autoriparatori questo significa maggiore traffico in officina.

In questi giorni, ZF Aftermarket ha spiegato i motivi per cui durante questa stagione è vivamente consigliato controllare i componenti collegati al telaio dell’auto, sottolineandone l’importanza ai fini della sicurezza stradale.
 

Informazioni utili all’officina

Le officine qualificate controllano infatti anche il telaio ed i suoi componenti in occasione del cambio gomme stagionale e verificano la necessità di sostituire freni e sospensioni. In conseguenza della crescente quota di mercato acquisita dalle gomme 4 stagioni, però, questo controllo non viene più eseguito.

Le officine devono trovare quindi nuovi argomenti per convincere i clienti della necessità di recarsi presso l’officina al cambio di stagione. Il controllo della tiranteria e delle sospensioni rappresenta un buon motivo, perché un danno lieve ai componenti chassis può portare in seguito a costose riparazioni dovute alla corrosione provocata dal sale che in inverno è presente sulle strade.

Le seguenti informazioni sui possibili danni possono essere molto utili all’autoriparatore nel suo approccio al cliente:

Esempio 1: Se un sassolino provoca danni alla cuffia dello sterzo, acqua e sale possono penetrare nei giunti dei tiranti sterzi e della cremagliera. Di conseguenza la cremagliera può subire una corrosione e rovinare tramite sfregamento la tenuta. Perdita di olio e funzionamento non conforme dello sterzo sono imminenti. Persino i sistemi di sterzo elettrici non sono esenti da danni, poiché parti corrose possono causare rumore, rigidità e altri problemi.
 
Esempio 2: il pistone dell’ammortizzatore e la molla sospensione possono essere soggette all’impatto da piccole pietre. I danni anche lievi sulla superficie del pistone possono deteriorare anche le tenute dell’ammortizzatore, provocando perdite e riduzione dell’efficacia di smorzamento. Parlando invece della molla elicoidale, allora si possono verificare piccoli punti rugginosi che a lungo andare possono provocarne la rottura.

Esempio 3: Per quanto riguarda il sistema frenante, l’autoriparatore non dovrebbe limitarsi a controllarne l’usura, ma verificare anche le rigature del disco. Questo perché le pietruzze che si infilano tra il disco freno e le pastiglie possono anche essere inglobate nell’impasto.
 

L’offerta ZF Aftermarket

Sono tutte buone ragioni per invitare gli automobilisti con pneumatici 4 stagioni a recarsi comunque in officina per un controllo stagionale. ZF Aftermarket fornisce il supporto necessario: con i suoi prodotti per il sistema telaio e sospensioni a marchio Lemförder, Sachs e TRW, rappresenta il fornitore a tutta gamma ideale. La gamma completa comprende sistemi sterzo, componenti chassis e sterzo, ammortizzatori, freni a disco e a tamburo, parti in gomma-metallo, senza dimenticare la disponibilità di informazioni tecniche e istruzioni di montaggio.

Photogallery

Tags: pneumatici tiranteria sospensioni trw zf

Leggi anche