News | 14 Ottobre 2011 | Autore: Cristina Palumbo

Aftermarket Europa: nasce un nuovo colosso nella distribuzione ricambi sotto il marchio Unipart Automotive

La notizia è passata un po' sordina, come una “normale” acquisizione, ma potrebbe in realtà portare a un importante cambiamento nello scenario dell'aftermarket europeo indipendente.

Stiamo parlando dell'accordo stipulato alla fine di settembre tra H2 Equity Partners (una società finanziaria che opera in Benelux, Germania e U.K.) e Unipart Automotive, uno dei maggiori distributori di ricambi e attrezzature per l'aftermarket indipendente, attivo nel Regno Unito.

In base all'accordo H2 avrà la maggioranza delle azioni Unipart, la quale resterà però operativa con il suo marchio e continuerà a controllare il 49,9% della società.

Vista così sembrerebbe solo una manovra economico-finanziaria, ma in realtà la società H2 Equity Partners possiede già la maggioranza di un altro protagonista del IAM: Sator Holding B.V., market leader nell'importazione e distribuzione di ricambi in Benelux e Francia del Nord.

Inoltre, H2 Equity Partners ha creato un nuovo gruppo d'acquisto denominato AP United, che gestirà acquisti e vendite in nome e per conto dei due grandi distributori, ottimizzando così le risorse e avendo la possibilità di esercitare una forza e una pressione importanti sul mercato.

Nell'arco di qualche mese, dunque, con un programma di investimenti comuni, Unipart Automotive diventerà un colosso in grado di gestire ricambi e accessori per un totale di circa 160.000 prodotti.

 

Nella foto: John M Neill, Unipart Group Chief Executive e Patrick Kalverboer, Managing Partner, H2 Equity Partners firmano l'accordo sul futuro di Unipart Automotive .

Photogallery

Approfondisci