Approfondimenti | 26 Luglio 2019 | Autore: Giuliano Tosi

​Focus damper Dayco: pulegge smorzatrici di qualità OE

Un approfondimento tecnico sulla puleggia smorzatrice in collaborazione con Dayco Europe: caratteristiche del prodotto e consigli per una corretta sostituzione.
 

Cos'è un damper (che tradotto significa smorzatore) e perché è necessario? Quali sono le informazioni utili che un autoriparatore deve sapere per una corretta sostituzione del prodotto? Quando e perché va sostituito? A tutte queste domande risponde Dayco, che oltre a produrre componenti per motori e sistemi di trasmissione di potenza per il settore automotive e industriale, offre al mercato anche una ampia gamma di damper o smorzatori di vibrazione torsionali.
 

Il damper e la sua funzione

I moderni propulsori sono caratterizzati da un’elevata ingegneria costruttiva e combinano tecnologie sofisticate per offrire la miglior soluzione possibile in termini di potenza e coppia del motore abbinata a un’altrettanto elevata efficienza nei consumi e minime emissioni allo scarico.

Un obiettivo, questo, che spesso viene raggiunto a costo di alti livelli di vibrazioni torsionali generate dal processo di combustione e dalle forti pressioni che si creano all’interno della camera di combustione del motore; una condizione particolarmente diffusa nelle alimentazioni diesel.
Queste vibrazioni si ripercuotono sull'albero motore e quindi hanno un impatto significativo sui sistemi di trasmissione della potenza del motore.

Grazie al know-how e alla continua collaborazione con i costruttori auto, i tecnici Dayco hanno messo a punto una gamma di pulegge smorzatrici di vibrazioni torsionali (damper o DPV).
Generalmente installato direttamente sull'albero motore, il damper migliora le prestazioni di tutti i componenti del sistema di trasmissione ausiliaria, riducendo le vibrazioni torsionali, diminuendo di fatto l'usura dei componenti e accessori del motore.

In particolare, previene possibili danni all’albero motore che potrebbero essere causati dalle continue sollecitazioni a cui è sottoposto e limita l’usura della cinghia, smorzando appunto carichi eccessivi trasmessi al tenditore e ad altri componenti del sistema.
Il comando a cinghia degli organi accessori, il cosiddetto FEAD (Front End Accessory Drive) è dunque il principale beneficiario dell’azione del damper, che contribuisce quindi una maggior durata dell'intero propulsore e a migliorare il comfort per gli occupanti del veicolo.
 

Tre diverse tipologie di damper

Esistono tre tipologie di smorzatore di vibrazioni, che rispondono a diverse esigenze di equipagiamento: il damper semplice, quello doppio e il cosiddetto decoupler.

Il damper semplice (foto 1), collegato direttamente all'albero motore, integra la puleggia di trasmissione per la cinghia accessori ed è dotato di un anello in gomma per ridurre le vibrazioni per le applicazioni sui motori più semplici, con limitate criticità NVH (Noise Vibration Harshness), cioè rumori, vibrazioni e rigidità.

Il doppio damper (foto 2) è invece composto da due componenti in gomma con gradi diversi di rigidità, racchiusi all'interno delle parti metalliche. Questi elementi in gomma sono stati progettati per assorbire diverse frequenze di vibrazione. Questa soluzione trova applicazione nei casi in cui si generano elevate potenze e maggiori vibrazioni, come ad esempio i moderni motori diesel.

Il decoupler (foto 3), sebbene anch’esso incorpori degli elementi di gomma, esercita la funzione di smorzamento attraverso l’elasticità delle molle metalliche. Questa soluzione introdotta nei motori di ultima generazione - con maggiore potenza e ancora più elevate sollecitazioni - consente di filtrare una gamma ben più ampia di vibrazioni e trova come applicazione ideale i motori dotati di BSG (Belt Start Generator).
 

Sostituire un damper

Come qualsiasi componente in gomma, i damper sono soggetti a usura, causata dal chilometraggio e dal passare del tempo, deformandosi, usurandosi e perdendo efficienza o addirittura rompendosi, aumentando così il rischio di guasti all’intero sistema di trasmissione.

Rumorosità anomale, vibrazioni spiacevoli e oscillazioni dello sterzo indicano che la puleggia ha raggiunto il suo fine vita e necessita di essere sostituita, non garantendo più il controllo delle vibrazioni.
In ogni caso, indipendentemente dai segnali di usura, Dayco suggerisce di effettuare il controllo delle sue condizioni ogni 60.000 km e di sostituirla ogni volta che si cambia la cinghia di distribuzione.
Per effettuare un controllo adeguato, Dayco ricorda ai meccanici che si deve smontare la puleggia smorzatrice, in quanto è necessario controllare non solo la parte anteriore ma anche quella posteriore per verificare le reali condizioni di usura del damper.

Inoltre, indipendentemente dal fatto che sia necessario sostituire o meno la puleggia, i bulloni di fissaggio devono essere sostituiti, poiché sono progettati in modo da garantire un perfetto serraggio al primo montaggio: se riutilizzati non potranno più soddisfare le caratteristiche meccaniche richieste dal costruttore.
 

Damper Dayco per l’aftermarket

I damper proposti da Dayco in aftermarket sono prodotti sulle stesse linee dei prodotti per il primo impianto e realizzati secondo i medesimi standard, pertanto indipendentemente dal mercato di riferimento (OE o IAM) i DPV Dayco garantiscono all’autoriparatore la medesima qualità e affidabilità dell’OE.
Per la massima praticità e per garantire il mantenimento degli standard più elevati durante l'installazione, Dayco offre nella sua gamma – ove richiesto dal costruttore – anche kit damper provvisti di bulloni.
I damper Dayco garantiscono una copertura del 95% del parco veicoli.
 

Photogallery

Tags: dayco

Leggi anche