Articoli | 04 Settembre 2020 | Autore: Cristina Palumbo

NTN-SNR: fra innovazione e futuro

Guardare al futuro con un approccio sempre molto creativo: ecco cosa significa che l’innovazione è nel DNA di una società. Ecco come NTN-SNR interpreta questa sua vocazione.

Se sul mercato la differenza la fanno i prodotti, con le loro caratteristiche di qualità, affidabilità e applicazione, dietro le quinte, nel cuore delle unità produttive, cosa fa davvero la differenza? I dettagli, sicuramente, la professionalità e il know-how tecnologico anche, ma c’è un elemento che distingue più di tutti un’azienda da un’altra e che si ripercuote su tutti gli aspetti della sua attività: la capacità di innovare.

E se un’azienda ha l’innovazione nel suo DNA, allora si può stare certi che questa azienda è una di quelle che fanno la differenza; NTN-SNR è proprio una di queste.

Come possiamo affermarlo con sicurezza? È semplice: per l’impegno e gli investimenti in ricerca e sviluppo, per le iniziative intraprese e l’approccio aziendale, per l’elevato numero di progetti e prodotti che hanno fatto la storia del cuscinetto nelle applicazioni automotive, industriali e aerospaziali.

Ricerca e sviluppo

Quando si parla di innovazione è automatico pensare all’attività di ricerca e sviluppo; due sono i parametri per determinare se un’azienda è impegnata in questo senso: la presenza di uno o più centri R&D e quanto investe in questa attività.

I numeri di NTN-SNR sono davvero impressionanti: 15 i centri R&D del gruppo nel mondo e oltre 800 dipendenti che a vario titolo sono coinvolti nelle attività di ricerca per lo sviluppo di nuove soluzioni e prodotti nei diversi settori in cui opera l’azienda. Noi solitamente ci limitiamo a considerare il solo comparto automotive, ma NTN-SNR è molto attiva anche in altri settori, primo fra tutti quello aerospaziale, dove sicuramente le competenze tecnologiche devono essere particolarmente elevate e la propensione allo studio di soluzioni innovative deve essere alla base di ogni progetto.

Prendendo la sola realtà europea, NTN-SNR conta ben quattro centri R&D dove impiega oltre 400 dipendenti e investe circa il 4% del suo fatturato. Sicuramente sono numeri molto significativi, perché indicano il peso rilevante della ricerca nelle attività del gruppo e mostrano come si tratti proprio di una sorta di “vocazione”, uno dei pilastri su cui si basa tutta l’attività di questo gruppo internazionale.

Se guardiamo al passato, numerosi sono stati i brevetti e le innovazioni anche solo nel campo automotive che hanno segnato l’evoluzione della mobilità, non solo per il primo impianto, ma anche per l’aftermarket (vedi box). Qui ricordiamo come esempio, che ha segnato il passo, l’innovazione del cuscinetto ASB, che nel 1997 ha dato il via alla nuova “meccatronica”, dove meccanica ed elettronica si integravano per questa nuova tecnologia di cuscinetto.

Guardare al futuro

La chiave dell’innovazione di NTN-SNR è la sua capacità di guardare al futuro, sempre. Sempre restando nel nostro settore, infatti, i trend della ricerca si concentrano su quattro aspetti in particolare, che puntano a raggiungere obiettivi concreti per la tutela ambientala e la mobilità sostenibile: elettrificazione, connettività, digitalizzazione e guida autonoma.

Obiettivi che sono un punto di arrivo, ma anche di partenza, perché a ogni risultato raggiunto si guarda già al futuro e alla possibilità di migliorare ulteriormente la soluzione o il prodotto. Le previsioni indicano che nei prossimi anni l’elettrificazione dei veicoli e la loro interconnessione saranno sempre più spinti.

Per chi come NTN-SNR si occupa di prodotti necessari per muovere i veicoli, gioca un ruolo fondamentale lo sviluppo di soluzioni sempre più efficaci e affidabili, che possano tutelare l’ambiente, ma anche realizzare un circolo virtuoso per promuoverne il riciclo. Da qui la ricerca in materiali più ecologici, che non vadano a gravare troppo su materie prime non rinnovabili, ma anche compattezza e leggerezza dei prodotti per ridurre frizioni e consumi di carburante.

La nuova mobilità, l’auto connessa e la guida autonoma sono tutti obiettivi che richiedono soluzioni particolari anche da parte di NTN-SNR che deve realizzare prodotti dotati di sensori e in grado di comunicare con le diverse centraline e computer di bordo.

Con l’evoluzione della tecnologia automotive, dunque NTN-SNR ha affrontato nuove sfide e ha dato il suo contributo alla realizzazione di progetti anche pionieristici, come ad esempio quello in collaborazione con Lazareth relativo alla moto elettrica volante LMV 496, per la quale ha realizzato un complessivo di cuscinetti. Nel settore automotive, le competenze del gruppo come fornitore di primo impianto sono fondamentali nella progettazione di soluzioni nuove, che si traducono (anche in aftermarket) in una continua ricerca di prodotti “smart”.

CREALab: l’innovazione nel DNA

Proprio questa volontà di continuo miglioramento è alla base di un’iniziativa davvero singolare di NTN-SNR, che permette di guardare anche oltre la specifica richiesta di un committente.

A dimostrazione di come davvero l’innovazione sia una colonna portante di questa azienda e potremmo proprio dire scritta nel suo DNA, segnaliamo il lancio a settembre 2018 dei CREALab. Si tratta di un modo originale di raccogliere idee e suggerimenti nati fra i dipendenti del gruppo. Chiunque, in qualunque reparto (e dunque non solo tecnici e ingegneri), può presentare un’idea per un progetto innovativo, teso a migliorare un prodotto o la sua lavorazione, un servizio o inventarne di nuovi.

L’idea viene presa in carico da un team tecnico e viene realizzato uno studio di fattibilità nell’arco di tre mesi per capire se l’idea è davvero buona, se è realizzabile e che vantaggi può portare. Se i risultati dello studio sono positivi, l’idea viene inserita ufficialmente nel programma di lavoro dei centri di ricerca e sviluppo. L’iniziativa, che coinvolge in primis i dipendenti, è aperta anche ad esterni e per questo vengono creati degli eventi ad hoc.

Finora i CREALab hanno coinvolto circa 60 persone; lo scorso anno di nove nuove idee proposte, ben tre sono diventate dei veri progetti.


 

Innovazioni e nuovi prodotti NTN- SNR dal 1997 a oggi

Ecco un riassunto per prodotti delle innovazioni per l’automotive

  • 1997: Cuscinetti con tecnologia ASB® (Active Sensor Bearing)

  • 2012: In-wheel motor system

  • 2015: PCS Hub joint

  • 2017: Tenditore con meccanismo di ammortizzamento variabile per motore start&stop

  • 2018: Cuscinetti con sfere in ceramica JLR

  • 2019: Cuscinetto con sensore angolo assoluto



 

Photogallery

Tags: cuscinetti NTN Snr sensori

Leggi anche