News | 17 Febbraio 2020 | Autore: redazione

Fatturato Bosch 2019: 77,9 miliardi di euro
77,9 miliardi di euro: secondo i dati preliminari è questo il fatturato registrato da Bosch nel 2019, una cifra equivalente a quella dell’anno precedente. Al netto degli effetti valutari, tuttavia, il fatturato è calato dell’1,1%.

In particolare, il settore Mobility Solutions, quello che registra i livelli più alti di vendite, la crescita ha superato quella della produzione automotive mondiale. Con 47 miliardi di euro, il fatturato ha sostanzialmente raggiunto il livello dell’anno precedente, registrando un calo dello 0,1% in termini nominali (1,5% al netto degli effetti valutari).

Nel commentare i numeri, Volkmar Denner, presidente del board of management di Robert Bosch, ha dichiarato: "L’economia debole e il forte declino della produzione nel settore automotive hanno lasciato il segno anche su Bosch. In vista delle sfide attuali, l’ampia diversificazione aziendale sta sortendo un effetto stabilizzatore che promuove l’espansione delle attività esistenti e aiuta a svilupparne di nuove. Nonostante la situazione economica complessa, continuiamo a investire in importanti aree di crescita".

Il colosso tedesco, infatti, ha intenzione di investire oltre un miliardo di euro per la mobilità elettrica, autonoma e connessa del futuro.
Bosch, infatti, ha una visione chiara del futuro della mobilità e di come renderla un vero successo. "La mobilità di domani sarà non solo elettrica e autonoma, ma anche connessa e personalizzata" - ha affermato Denner, aggiungendo che, grazie al portfolio diversificato, Bosch è meglio preparata ad affrontare i vari scenari e sviluppi futuri di qualsiasi altra azienda.

A proposito della difficile situazione economica, che coinvolge anche il settore automotive, Bosch prevede che nel 2020 la produzione automotive globale diminuirà per il terzo anno consecutivo: più precisamente ci si aspetta un calo del 2,6%, con una produzione di 89 milioni di veicoli in tutto il mondo, quasi 10 milioni in meno rispetto al 2017. Bosch si attende che questo livello rimarrà costante per i prossimi anni e non prevede alcun aumento nella produzione automotive globale prima del 2025.

L’azienda, dunque, intende espandere le proprie attività e avviare nuove aree di business. "Vogliamo farlo puntando su investimenti significativi e lungimiranti nelle tecnologie del futuro" - ha dichiarato Denner. "Nel periodo compreso tra il 2013 e il 2020 Bosch avrà investito complessivamente circa 3 miliardi di euro nei nuovi settori in crescita". Quest’anno Bosch investirà 500 milioni di euro soltanto in elettromobilità, fuel-cell comprese, oltre 600 milioni di euro nella guida autonoma e altri 100 milioni di euro nelle soluzioni per la mobilità connessa. Inoltre, dal 2015 Bosch ha investito 600 milioni di euro per ampliare le proprie attività relativamente all’Internet delle cose: tra questi investimenti rientrano il nuovo IoT campus di Bosch a Berlino e l’espansione del settore dell’industria connessa.

Segnaliamo, infine, che al 31 dicembre 2019 il Gruppo Bosch contava 403.000 collaboratori, a livello mondiale. Il personale ha subito una riduzione di 6.800 unità, pari all’1,7% che ha riguardato principalmente Cina e Germania.

Photogallery

Tags: bosch guida autonoma auto connessa

Leggi anche