News | 02 Ottobre 2020

Tecneco: 6 miti da sfatare sui filtri auto

Ecco il nuovo opuscolo realizzato da Tecneco Filtration per un valido supporto tecnico agli autoriparatori.

Ha come protagonista un simpatico personaggio che rappresenta il meccanico in difficoltà nella sostituzione dei filtri: così si presenta l’opuscolo informativo realizzato da Tecneco Filtration per offrire una serie di consigli e suggerimenti nell’affrontare tematiche tecniche legate agli interventi sui filtri.

Un vademecum pratico e facilmente consultabile, che punta a sfatare una serie di luoghi comuni, attraverso un breve racconto. Vediamo qualche esempio.
 

Filtro carburante: non è una questione di fortuna

Ecco come il “nostro amico” meccanico racconta la sua disavventura con il filtro carburante che non sempre funziona dopo la sostituzione.

“Se la sostituzione di un filtro olio è un’operazione semplice e scontata, quando sostituisco un filtro carburante, nonostante faccia tutto secondo le norme e il buon senso, spero sempre che vada tutto bene. Sentirmi chiamare dal mio cliente arrabbiato perché la macchina la mattina non parte, o ancora peggio, perché è rimasto per strada e mi tocca anche andare a recuperarlo, è l’ultima cosa che voglio.
Per evitare tutto questo, una delle cose più importanti quando cambio un filtro carburante è la gestione dell’aria residua all’interno del sistema di alimentazione. Il mio obiettivo primario è la sua completa eliminazione, tanto importante quanto semplice farlo in solo tre semplici passaggi:
1. Se posso farlo, prima di montarlo riempio sempre il filtro di carburante fino all’orlo.
2. Allento la valvola di spurgo, solitamente posta in testa al filtro, e agisco energicamente sulla pompa manuale unidirezionale installata sul tubo di ingresso carburante. Nel momento in cui al posto dell’aria vedo fluire solo carburante, serro nuovamente la valvola di spurgo.
3. Allento i dadi degli iniettori, avvio il motore e attivo la pompa carburante in modo da riempire completamente tutto l’impianto di alimentazione. Attendo che dagli iniettori fluisca solo carburante, quindi serro nuovamente i dadi.”


Tecneco Filtration spiega invece perché non si tratta di “fortuna” ma consiglia come comportarsi per evitare problemi.
“Prima di sostituire un filtro carburante assicuriamoci che la vettura non sia in riserva o che comunque abbia una buona quantità di gasolio nel serbatoio. Seguiamo attentamente le istruzioni di montaggio riposte nella scatola del nuovo filtro. Se malauguratamente una volta sostituito il filtro la vettura non parte o si spegne, prima di sostituire il filtro ritenuto difettoso, con un nuovo filtro, proviamo a smontare e rimontare lo stesso filtro, potrebbe succedere che l’aria intrappolata nel filtro fuoriesca, risolvendo il problema”.
 

Il filtro dell’aria “non si soffia”

Ecco un altro mito da sfatare: il filtro dell’aria va sostituito, non semplicemente ripulito “soffiandoci sopra”.

“Arriva un cliente in officina e per fare il tagliando alla vettura, chiedendo il servizio completo olio e filtri, ma senza cambiare quello dell’aria perché dice: ‘l’ho cambiato all’ultimo tagliando, al massimo una soffiatina’. Il nostro meccanico cerca di spiegare l’importanza della sostituzione del filtro dell’aria a ogni tagliando. Questo perché durante l’utilizzo della vettura, la temperatura che investe il filtro aria arriva fino ad 80°C con picchi anche di oltre 100°C.
A queste temperature anche i materiali di qualità elevata possono usurarsi, deteriorarsi e deformarsi. Ancora peggio poi se un filtro già usato viene ‘soffiato’.
Lo stress meccanico durante la pulizia può causare la rottura delle pieghe, compromettendone definitivamente l’effetto filtrante.
Il getto d’aria compressa, durante la pulizia, deteriora la struttura della carta filtrante, riducendo drasticamente la sua capacità di trattenere e immagazzinare le polveri inquinanti. In queste circostanze le particelle di sporco penetrano nel motore, attraverso le pieghe rotte, compromettendone seriamente il corretto funzionamento.”
A fronte di una tale richiesta del cliente Tecneco ribadisce che “è importantissimo sostituire il filtro aria motore al massimo ogni 15.000 km (o 1 anno), perché le performance e la durata del motore della nostra auto valgono molto di più delle poche decine di euro spese per acquistare un nuovo filtro di ricambio”.

Photogallery

Tags: filtri filtri abitacolo tecneco

Leggi anche