News | 24 November 2014 | Autore: Redazione

Le più care riparazioni su un'auto

Le automobili sono il massimo quando funzionano, ma quando devono essere riparate e non solo mantenute può essere costoso per i clienti. In ogni caso alcune riparazioni sono molto più costose di altre, vediamo quali.

Catalizzatore

Benché in Italia se ne cambino pochissimi, il catalizzatore è uno dei ricambi più costosi di un'auto. Questo componente serve a evitare emissioni dannose nell'atmosfera causate dai processi di combustione del motore e, per svolgere questo compito, ha bisogno di molti metalli nobili, tra cui il platino. Il suo costo oscilla da circa 300 Euro fino a oltre i mille. Tanto per fare un esempio il catalizzatore di una Fiat Panda con motore Multiair costa attorno agli 800 Euro di listino.

Turbocompressore

Avere un'auto turbo ha molti vantaggi. Generalmente si può avere, a parità ci potenza, un propulsore più piccolo che quindi consuma meno. Sfortunatamente però il turbompressore costa ed è difficile da riparare. La sua sostituzione può costare anche oltre i 1.000 euro e, tanto per rimanere in tema il turbocompressore (con relativo collettore) della stessa Fiat Panda supera agevolmente i 1.900 Euro di listino, mentre se solo ci si prova ad avvicinare a una BMW Serie1 twin-turbo duemila di cilndrata del 2005 si hanno addirittura due turbine, quella dei bassi regimi, circa 700 Euro e quella degli alti, attorno ai 1.500 sempre di listino originale e per un prodotto revisionato, cui va aggiunta la manodopera.

Pompa inieizione

Per chi possiede un SUV o un'auto di una certa levatura, la spesa per sostituire una pompa di iniezione supera con agilità i 1.000 Euro. Il perché è presto detto: tanta manodopera e tante parti da controllare (perché non è che la pompa si rompa senza motivo e quando succede può creare anche tanti danni a valle). In ogni caso, restando in casa BMW, per  esempio la pompa iniezione revisionata di una BMW X5 3,0 d xDrive del 2006-2011 (modello che tanto è andato di moda nel nostro paese) costa, da sola, quasi 1.100 Euro, cui va sommato tutto il lavoro ed eventuali altri ricambi. Nel caso di auto di più piccola cilindrata le cose non vanno meglio. Per una Mini One 1,4 d dello stesso periodo la sola pompa iniezione costa quasi 1.300 Euro, mentre se si prende una Ford Fiesta 1.4 DTCI del 2008 (altro modello che ha avuto un discreto successo in Italia) si spende meno, ma non troppo: circa 560 Euro di listino per il solo ricambio.

Albero a camme

L'albero a camme è un'altro di quei componenti che, se si deforma o si rompe, richiede ore e ore di manodopera. Si tratta di un componente importante, che gestisce l'alzata delle valvole e quindi il funzionamento corretto dell'intero motore, come dire: se si rompe l'auto non va più. Sostituirlo costa almeno tra i 1.500 e i 3.000 Euro, considerando che, ad esempio, su una Fiat Punto III serie 1,2 del 2011 il ricambio non arriva ai 300 Euro di listino è chiaro che tutto il resto è lavoro

Trasmissione

Se salta la trasmissione sono dolori. Il cambio con differenziale, anche le auto di piccola cilindrata costa, e costa tanto. Quanto? Dipende dal modello e dalla tipologia del mezzo, ma se si ha un danno alla trasmissione è facile superare i 3.000 Euro per la riparazione. Restando sulla Fiat Punto 1.2 del 2011, la sola scatola del cambio con differenziale nuova costa oltre 3.000 Euro, ma se si vuole risparmiare si può andare sul revisionato e allora si scende sotto i 1.500 Euro. Ovviamente poi c'è la manodopera, che, anche in questo caso, non è uno scherzo.

Cilindro

Forse la rottura di un cilindro rappresenta uno dei casi peggiori per un automobilista, al punto che oggi si “rifanno” sempre meno motori, ma si sotituiscono, con motori nuovi o revisionati. Il costo raggiunge facilmente i 5.000 Euro ma a seconda dei modelli di auto si sale agevolmente a 8.000 Euro e anche più per il lavoro completo.
Quanto costa un motore nuovo? Diamo qualche esempio, sulla solita Punto 1.2 benzina da 51 kw si viaggia attorno ai 5.200 Euro per il monoblocco semicompleto nuovo, mentre per il revisionato si spazia dai circa 1.700 Euro per la versione Euro 4 e si superano i 4.000 Euro per la versione Euro5 con Start&Stop. Vogliamo esagerare? Senza andare troppo lontano basti pensare che il solo motore di una Alfa Romeo Giulietta 2.000 JTDM del 2010 non bastano 8.000 Euro per il solo propulsore semicompleto nuovo.


Questi sono solo alcune delle riparazioni più costose di un'auto, ma l'elenco potrebbe continuare. Ma come evitare di incappare in queste riparazioni? Semplice. Quasi tutti questi guasti nascono da una scorretta manutenzione. Effettuare i tagliandi con la regolarità prevista (presso qualunque riparatore qualificato) evita salassi dovuti a ruttore di componenti delicati, specie con le auto più moderne, dove i componenti sono sempre più miniaturizzati e con tolleranze minime. Mai come nell'auto vale quindi il detto “chi più spende” in manutenzione, “meno spende” in riparazione.

Fonte: elaborazione Notiziario Motoristico su banca dati AutofficinaAutorizzata nov. 2014

Photogallery

Tags: testata motore turbocompressore trasmissione catalizzatore pompa iniezione albero a camme

Leggi anche

APPROFONDIMENTI | 14/04/2022Avaria cambio 9HP su Jeep Cherokee