Articoli | 24 Novembre 2020 | Autore: David Giardino

Oltre l'asiatico: Japanparts sempre più europea

A più di trent’anni dalla sua fondazione, Japanparts Srl ha l’ambizione di crescere ancora, diventando sempre più centrale per il mercato della riparazione e manutenzione, non solo sul circolante asiatico.

 

Dal suo ingresso nel mercato, Japanparts Srl è diventato un player sempre più importante per la distribuzione con i suoi prodotti a marchio Japanparts, Ashika e Japko. Di anno in anno le famiglie di prodotto sono aumentate, andando a coprire dapprima il circolante asiatico, per poi crescere negli ultimi anni anche sulle applicazioni europee. Oggi Japanparts vuole essere un'azienda sempre più centrale per il cliente: il primo catalogo da guardare per qualsiasi marca di automobile entri in officina, per qualsiasi ricambio da sostituire.

Questa metamorfosi da specialista in asiatico a riferimento per il circolante europeo è tuttora in atto e nel tempo modificherà ulteriormente l’offerta del distributore veronese, che punterà su nuove gamme e assortimenti profondi.
Siamo stati a Verona per visitare il magazzino, vero e proprio centro logistico d'eccellenza, e qui Massimo Altafini e Claudio Barbieri, rispettivamente general manager e direttore commerciale Italia di Japanparts, ci hanno illustrato strategie e sviluppi futuri dell'azienda.
 

Dinamismo ed efficienza

La crescita decisamente esponenziale di Japanparts nel numero di referenze e famiglie di prodotto gestite ha portato l'azienda a ripensare al proprio ruolo di player del mondo aftermarket e a strutturarsi di conseguenza.
Se oggi Japanparts vuole proporsi come punto di riferimento nel mondo dei ricambi per tutto il circolante e non essere identificato esclusivamente come specialista del mondo asiatico, lo fa con tutti i crismi, dotandosi di un management e di una struttura all'altezza della sfida.

Oltre ai prodotti, infatti, Japanparts punta su servizi e logistica per soddisfare tutte le aspettative della clientela. Oggi ci sono in azienda più di 130 dipendenti, un team vendite dedicato per ogni paese o regione, in grado di comunicare efficacemente con i clienti; una squadra di addetti alla logistica che può contare su un magazzino fortemente automatizzato, in grado di evadere 12.000 righe d'ordine ogni giorno e un ufficio marketing interno che cura la comunicazione e realizza iniziative dedicate per aggiornare la clientela e presentare tutte le novità.
L'efficienza dell'azienda mira dunque a dare risposte concrete e immediate al mercato, senza mai smettere di aggiornare la gamma prodotti che oggi conta circa 42.000 referenze (sono ben 5.000 i nuovi articoli introdotti da gennaio 2020).

Il dinamismo di Japanparts è perciò nei numeri degli articoli trattati e nella capacità di gestirli, con un customer service sempre più efficiente, e in un management esperto che fa pianificazioni a lungo termine.
Sono già tanti, infatti, i progetti intrapresi per comunicare al mercato la “nuova” identità, il posizionamento dei marchi e le nuove proposte in arrivo.
 

Una logistica d'eccellenza

Il nuovo magazzino, inaugurato circa un anno fa, è una struttura imponente, che occupa una superficie di circa 60.000 mq (20.000 dei quali dedicati ai soli ammortizzatori), 8 km di scaffali e 9 metri di altezza media.
Sono numeri impressionanti, ma non è finita qui: è dotato di ben 10 Kardex automatici verticali con 10.000 posti picking, 60.000 cassette mini-load, 3.000 posti, 24.000 posti stock e 49.000 posti picking, che permettono di gestire circa 150.000 articoli suddivisi per 147 linee di prodotto.

La capacità di gestione ricambi di questa “cittadella della logistica” permette all'azienda di effettuare fino a 250 ordini urgenti al giorno e garantire consegne standard entro le 48/72 ore.
Il magazzino, gestito grazie a un sofisticato software, occupa a tempo pieno 65 addetti che permettono di evadere giornalmente 12.000 righe d'ordine pari a oltre 70.000 pezzi.
Durante la visita è stato accennato anche un altro investimento legato all'ampliamento del magazzino automatico nei prossimi anni, per poter gestire con il sistema delle cassette mini-load anche articoli ingombranti e più pesanti.
 

Un nuovo marchio di ammortizzatori

Japanparts è ormai molto conosciuta anche per la gamma di ammortizzatori, che uniscono qualità dei prodotti e convenienza, rendendo così possibile la loro sostituzione anche su autovetture che per anzianità e usura hanno un basso valore di mercato, ma che rimangono importanti per la mobilità dei proprietari.
A incrementare la proposta, da quest'anno l'azienda ha introdotto un nuovo marchio dedicato a questo specifico prodotto: Gold.

Japanparts, infatti, è diventato il distributore esclusivo per l’Europa del brand Gold, azienda asiatica specializzata nella produzione di ammortizzatori e fornitrice locale anche di primo equipaggiamento. La selezione di questo nuovo fornitore, così come avviene per tutti gli altri partner dell'azienda, risponde a severi criteri di qualità e affidabilità, perché da sempre Japanparts vaglia attentamente le caratteristiche e le potenzialità dei propri supplier.

Con questa operazione e l'introduzione della nuova famiglia di molle elicoidali, Japanparts si propone al mercato sempre più come uno specialista della gamma sospensioni, grazie a un'estensione e una profondità di gamma che pochi possono offrire al mercato. Stiamo parlando di 6.000 codici in tutto, di cui 2.900 sono le molle elicoidali, e 2.200 gli ammortizzatori e i restanti codici si riferiscono a supporti e tamponi parapolvere.
Nel caso della famiglia delle sospensioni, solo negli ultimi sei mesi sono stati inseriti oltre 150 referenze, a dimostrazione dell'impegno costante profuso dall'azienda nella ricerca della completezza di gamma.
 

Nuovo kit bracci oscillanti

Tra le tante novità nell'aggiornamento gamma è stato presentato l'inserimento dei kit bracci oscillanti, completi di tutti i componenti (braccetti, giunti sferici, tiranti e biellette, oltre a elementi specifici del singolo modello) e accessori per un corretto montaggio.

L'offerta si compone di 100 codici e permette di intervenire sui bracci della sospensione dell'assale anteriore (anche per le sospensioni multi-link), coprendo la gran parte del circolante europeo.
 

Master Garage per il contatto diretto

Tra le attività e i tool a disposizione dell'azienda per comunicare con la clientela (vedi il restyling in corso della piattaforma web e le attività di comunicazione) troviamo il nuovo progetto Master Garage, un furgone attrezzato che in accordo con i clienti viaggia per l'Italia per presentare i prodotti e organizzare serate tecniche dedicate agli autoriparatori.
Ascoltare e crescere assieme ai propri clienti, infatti, è una delle mission dell’azienda che vuole essere sempre più vicina al mercato. Soltanto avendo un ascolto diretto con la distribuzione e la riparazione, infatti, si può intervenire rapidamente e dare una risposta concreta, così da risolvere ogni eventuale problema.

Master Garage è un passo verso l’installatore, per raccogliere in presa diretta eventuali suggerimenti o idee da chi realmente utilizza i ricambi Japanparts; un modo per l’azienda di essere più efficace e migliorare la percezione del marchio alle officine a tutto beneficio della propria distribuzione.

Photogallery

Tags: ammortizzatori bracci oscillanti japanparts ricambi asiatici

Leggi anche