Articoli | 02 December 2020 | Autore: David Giardino

Ancora Telos: le strategie di un gruppo in crescita

A tre anni dal suo esordio nel mercato, Telos Group mantiene gli obiettivi che si era prefissata, puntando dritto al superamento dei 100 milioni di euro di fatturato aggregato, con la volontà di consolidare all’interno del gruppo la compagine sociale controllata da Bcz Spa.

 

L’ acquisizione annunciata a fine ottobre della società GS Spa, importante ricambista piemontese, da parte di Bcz Spa, segna un deciso cambio di passo per Telos Group e per l’approccio di Bcz Spa nei confronti dei suoi associati e del mercato.

Se le aggregazioni di ricambisti, seppur realizzate con i migliori presupposti sulla carta, poi non riescono di fatto a superare i leciti personalismi degli imprenditori che li compongono, l’attività di Bcz Spa all’interno di Telos Group sembra poter segnare nel mercato un deciso cambiamento.
Non più solo una presenza con quote di minoranza da parte di Bcz Spa, ma la crescita ben oltre la maggioranza delle quote societarie di circa l’80% della maggior parte dei soci Telos, determinerà nel prossimo futuro una entità unica e inedita nel mercato.

Non più accordi centrali ed eccezioni locali che caratterizzano molte associazioni di imprenditori del settore della distribuzione automotive, ma una testa e una sola regia per più di 75 milioni di fatturato. Una novità non da poco per chi conosce il mercato.
L’acquisizione di GS Spa non può effettivamente passare senza conseguenze, data la dimensione dell’organizzazione che entra a far parte di Telos Group. Il carico di know-how e di personale tecnico altamente qualificato, non bisogna dimenticare che GS che è un concessionario Bosch e nasce con il diesel, si fregia di tecnici di altissimo livello ed esperienza in tutti i settori della riparazione automotive, sarà messo a disposizione di tutti i soci Telos, mediante la creazione della divisione Telos Tech, che potranno contare su di una fidelizzazione delle officine basata più sul supporto al lavoro quotidiano che alle ormai inflazionate logiche di prezzo.

Da GS Spa il consolidamento del gruppo

Con i suoi 17 milioni di euro di fatturato, GS pur essendo l’ultimo ingresso in Telos, rappresenta sicuramente l’azienda più strutturata e organizzata; quella da cui si può iniziare per consolidare in una unica società le aziende nel portafoglio Bcz Spa.
Dal Piemonte quindi partirà una attività di fusioni che nel 2021 farà nascere il più grande ricambista italiano.

L’organizzazione territoriale e le sedi delle aziende saranno mantenute, credendo nell’importanza del presidio del territorio e della prossimità ai clienti.
Non tutti i soci di Telos Group sono però destinati a farne parte; in alcuni di loro, per circa 25 milioni di fatturato, Bcz Spa rimarrà con la sua quota di minoranza, ma potranno comunque utilizzare degli asset strategici che Telos metterà a disposizione di tutti: formazione, assistenza, progetto elettrico, divisione diesel.

Il supporto alla riparazione: Telos Tech

La proposta più importante che Telos vuole fare alle officine è offrire la propria capacità di assisterle nel lavoro quotidiano e nel supporto all’acquisto di strumenti tecnici e diagnostici.
Grazie a personale di grande esperienza e riconosciuto dalla maggior parte dei riparatori piemontesi, si vuole ora esportare questa esperienza in tutte le zone di influenza del gruppo.

Da Kentro alla carrozzeria

Un grande operatore della distribuzione aftermarket non può non avere una visione a 360 gradi delle dinamiche della riparazione, così come deve essere in grado di anticipare il mercato nelle necessità di una riparazione ed assistenza efficiente.

Partendo da questo presupposto, Telos ha già sviluppato un proprio brand - Kentro -, nel quale inserirà con progressione nuove linee merceologiche. Inoltre, guarderà con attenzione anche ai riparatori di carrozzeria, per intercettare le esigenze della riparazione “one stop shop” dei clienti più esigenti, alla ricerca della massima efficienza nel servizio di assistenza e riparazione.

Prima le persone

Bcz Spa è riuscita a creare in poco tempo una sempre più forte realtà distributiva, accelerando l’attività di acquisizioni e di consolidamento anche in un momento di forte incertezza.
Su questo punto l’azienda ha una ricetta chiara: “per noi contano soprattutto le persone che fanno parte di una organizzazione, solo successivamente valutiamo l’azienda”.   
 

I protagonisti dell’acquisizione

Bcz Spa è società finanziaria e immobiliare che opera nel settore automotive, detiene partecipazioni in 16 ricambisti del nord Italia oltre che in Telos Group Srl.

Telos Group Srl è società che nasce dalla necessità dei ricambisti di aumentare le performance e i servizi alle officine in primis a livello di prodotto ma soprattutto a livello informatico-gestionale, accrescendo la partnership con le migliori officine che rappresentano il cardine del mercato aftermarket e l’anello finale della nostra catena distributiva.


GS Spa è uno dei maggiori player sul mercato di riferimento, è attiva in Piemonte, Valle d’Aosta e Liguria. Concessionario Bosch, distribuisce ricambi e servizi alle officine da oltre 45 anni, gestendo un network, fra Bosch Car Service, Autocrew e Punto Pro di oltre 150 installatori.
Si caratterizza sul mercato per la sua capacità logistica nel garantire una consegna puntuale ed efficiente di ricambi di qualità, a cui aggiunge attrezzature di marchi primari e servizi di formazione e assistenza che soddisfano qualsiasi esigenza dell’autoriparatore.

 

Photogallery

Tags: distribuzione ricambi G.S. telos group telos

Leggi anche

ARTICOLI | 24/07/2018​La nuova rotta di Telos