Articoli | 09 Maggio 2017 | Autore: Tommaso Caravani

Mi chiamo G.P.S. Motori, risolvo problemi

Un network selezionato di officine dedicato ai Guasti Gravi e tanto investimento in tecnologia: così G.P.S. Motori punta a risolvere i guai di flotte e officine.

 

Quando il gioco si fa duro, i duri iniziano a giocare. Potremmo descrivere un po’ con questo famoso detto l’attività svolta da G.P.S. Motori, azienda che si propone al mercato come solutore di problemi importanti. Problemi che generalmente si presentano dopo un intervento, come un errato montaggio, oppure che richiedono conoscenze e competenze molto approfondite, ad esempio sui cambi automatici o malfunzionamenti importanti lato motore.
Il “sistema” messo a punto da G.P.S. Motori è di fatto utilizzato già oggi da molte delle principali flotte di noleggio, da officine “importanti” e da molti network di autoriparazione.
Abbiamo parlato di “sistema” perché al di là del prodotto, cioè del ricambio, che l’azienda è comunque in grado di fornire (dal motore nuovo originale a quello di rotazione fino ai ricambi introvabili dell’iniezione o del cambio), quello che fa G.P.S. Motori è gestire interamente il problema.
Come? Dipende dalla tipologia di cliente.
Sì, perché G.P.S. Motori oggi lavora sia con le flotte di noleggio, sia con network di autoriparazione, sia con le singole officine. Ognuno ha esigenze differenti, ma tutti possono contare sul medesimo standard di servizio; ma andiamo con ordine e iniziamo dai più grandi: le flotte di noleggio.
 
I problemi del post riparazione
Per capire quali sono i problemi di una flotta di noleggio bisogna conoscere perfettamente come funzionano i processi riparativi di queste realtà e proporre soluzioni all’altezza.
Le grandi flotte, ad esempio, hanno il problema del fermo tecnico, ossia il tempo passato in riparazione che si trasforma in un mancato guadagno. Una doppia perdita insomma, ma proprio per questo anche una grande opportunità: ridurre i tempi di riparazione è un problema di tutte le imprese che operano nel settore, perché più auto si riescono a riparare più si può aumentare il volume di affari.
C’è poi un secondo problema: le flotte di noleggio hanno un parco circolante che nulla ha a che vedere con la media del circolante Italia: quasi sempre sono auto che hanno meno di tre anni di vita e che ovviamente hanno bisogno di ricambi che spesso neanche esistono in aftermarket.
A queste difficoltà bisogna aggiungere che G.P.S. Motori non si concentra su tagliandi e manutenzione ordinaria, ma segue principalmente quelle che in generale sono le “rogne” di un’auto. Il che vuol dire saper riparare auto recenti su guasti di una certa entità.
Ed è proprio sul processo che si è concentrata l’attività di G.P.S. Motori nell’ultimo anno: stabilire una metodologia univoca per gestire questo tipo di problematiche.
 
Un flusso chiaro
Per farlo, G.P.S. Motori, ha dovuto investire in tutto ciò che può servire a gestire completamente la richiesta di una flotta: dalla presa in carico del lavoro all’attività di authority, fino alla consegna del mezzo.
Uno sforzo che ha visto G.P.S. Motori coinvolta in tutte le sue attività, con un importante investimento in tecnologia (ossia un portale dedicato a questa attività), una parte dello staff dedicato all’analisi dei guasti e a interfacciarsi con i gestori della flotta, nonché un micro network di officine altamente specializzate nelle lavorazioni complesse di meccanica.
Proprio il network di officine rappresenta una delle più grandi novità del settore. A differenza dei tradizionali sistemi di affiliazione, infatti, ogni officina aderente al network “Officine Guasti Gravi” viene selezionata basandosi esclusivamente sulle capacità del riparatore ed è in grado di gestire, con il supporto remoto di G.P.S. Motori, tutti i tipi di problematiche.
Non solo, G.P.S. Motori ha creato anche una unità mobile di diagnosi in grado di recarsi in tutta Italia proprio per fornire assistenza alle officine del network (e non solo) nei casi più complessi.
Così, se la piattaforma informatica contribuisce a fornire il costo di una riparazione certa per la flotta, le Officine Guasti Gravi sono l’occhio e il braccio sul territorio di G.P.S. Motori, che in questo modo può servire le flotte dalla A alla Z.
Ma la parte informatica dà un ulteriore possibilità, proprio perché il circolante delle flotte è così “moderno” rispetto alla media. La piattaforma dedicata alle flotte, infatti, permette di gestire sia i ricambi originali sia quelli aftermarket, in modo che in ogni caso ci sia una risposta sui ricambi, con tanto di prezzo riservato e disponibilità dei prodotti.
 
Non solo flotte
Una mole di risorse importante, insomma, che tuttavia G.P.S. Motori non dedica solo ai grandi clienti. Bisogna infatti ricordare che G.P.S. Motori nasce come produttore di motori di rotazione per il mondo OE e che da sempre fornisce anche le officine indipendenti, sia direttamente sia attraverso i ricambisti. Inoltre, l’azienda si è recentemente fusa con Autorettifica MF, storica realtà di rettifica che faceva parte dello stesso gruppo, creando di fatto, una realtà in grado di gestire i ricambi a 360°.
E proprio dall’esperienza con le flotte è nata l’idea di offrire lo stesso livello di servizio a chiunque ne avesse bisogno, dai network riparativi fino ai singoli meccanici. L’esperienza mutuata nell’online è stata messa a frutto in un portale dedicato alle officine chiamato http://ogg.aastore.biz, che permette a tutti clienti G.P.S. Motori di ordinare sia i ricambi originali sia quelli aftermerket.
“OGG è un portale -spiega Luca Morini, direttore generale di G.P.S. Motori - che permette di trovare anche i ricambi introvabili, senza perdere ore al telefono con i propri fornitori, per poi scoprire che un certo ricambio esiste solo originale e che magari non è disponibile. Da noi si vede subito se c’è, quanto costa e un quando arriva, sia che si parli di un prodotto OE sia che si parli un brand aftermarket”.
Ovviamente poi, anche una normale officina può avvalersi del network delle Officine Guasti Gravi, mentre l’unità mobile di diagnosi è comunque a disposizione per i clienti che si trovano difronte a difficoltà difficili da superare. È proprio su questo punto che Morini insiste: “Il nostro staff oggi può garantire alle officine un supporto, in particolare sulle auto di nuova generazione, sia pre sia durante la lavorazione, perché spesso bastano pochi accorgimenti per evitare disastri”.
Se poi il danno avviene dopo la lavorazione… basta chiamare G.P.S. Motori, perché come sottolinea Luca Morini “il nostro lavoro è risolvere i problemi degli altri”.
Un lavoro che viene svolto egregiamente grazie soprattutto al contributo di Massimo Morini, cotitolare e responsabile di tutta l’attività produttiva e del coordinamento dei tecnici.
 

Photogallery

Tags: officine rettifica flotte GPS MOTORI

Leggi anche

ARTICOLI | 28/07/2017FIR-Mec Diesel: buona la prima