News | 26 Marzo 2020 | Autore: redazione

È di ZF il primo freno di stazionamento elettrico anteriore
ZF ha annunciato il lancio del primo freno di stazionamento elettrico anteriore, estendendo di fatto la sua offerta di sistemi EPB (Electronic Parking Brake) a una gamma più ampia di vetture.

Con questa soluzione, infatti, i costruttori possono dotare i propri veicoli più piccoli con un avanzato sistema di frenata e progettare gli interni senza la classica leva o il pedale del freno di stazionamento. 

Con l’ingresso in produzione di serie del primo EPB frontale del settore, ZF consente oggi a questa tecnologia di poter essere installata nelle classi di vettura più piccole. Ad esempio, la leva manuale del freno può essere sostituita da un pulsante compatto, creando maggiore spazio nell’interno vettura e dando maggiore libertà nella progettazione degli interni stessi. La produzione di serie è già cominciata in Corea e Cina.

Oltre alla classica funzione di freno di stazionamento, l’EPB facilita le partenze in salita, ad esempio, con la funzione Auto-Hold. Nel traffico cittadino o nelle code, il sistema di frenata aumenta anche in modo significativo il comfort di guida grazie alla funzione stop and go. Inoltre, la maggiore distribuzione del carico statico sull’assale anteriore favorisce una maggiore sicurezza quando il veicolo viene parcheggiato su pendii scivolosi.  
 
L’EPB anteriore di ZF elimina quei componenti necessari al funzionamento del freno di stazionamento manuale nei freni a tamburo o a disco posteriori e richiede solo piccole modifiche alle pinze dell’assale anteriore, integrando i necessari componenti elettronici e il software all’interno di una centralina ESC esistente. Ciò può ridurre ulteriormente il peso del sistema rispetto a uno con freno di stazionamento manuale posteriore.
 
ZF Friedrichshafenwww.zf.com

Photogallery

Tags: zf

Leggi anche