News | 10 Aprile 2020 | Autore: redazione

Officine aperte e servizi: è questo l’appello di LKQ Europe

La filiale europea di LKQ non si ferma e vuole farsi trovare pronta alla ripartenza. Arnd Franz, CEO di LKQ Europe, assicura la consegna dei ricambi agli autoriparatori e si rivolge ai politici europei: “le officine devono restare aperte”.
 

Prosegue senza sosta il lavoro di LKQ Europe, la filiale europea della statunitense LKQ Corporation, che fa sapere di essere pronta a reagire per prepararsi a nuove sfide future.

In una nota ufficiale, dunque, il colosso della distribuzione ricambi sottolinea: “Le acquisizioni rimangono per noi una parte fondamentale del nostro business”. È poi Arnd Franz, CEO di LKQ Europe, che al quotidiano tedesco FAZ ha ribadito: “Continuiamo a monitorare il mercato per scovare nuove opportunità di crescita. Vogliamo però agire al momento giusto e tornare a crescere ancor di più quando finirà l’emergenza Coronavirus”.

LKQ Corporation, infatti, è uno dei protagonisti dei grandi cambiamenti nel settore della distribuzione ricambi tanto in Europa quanto a livello internazionale. In particolare, l’ingresso in Europa risale al 2011 con l’acquisizione in UK di Euro Car Parts. Da quel momento, a suon di acquisizioni (più di 70), LKQ è diventata in Europa uno dei principali “big player”.
Per LKQ, perciò, oggi più che mai è necessario collaborare e creare sinergie tra tutte queste realtà per uscire da questa emergenza più forti di prima.

L’azienda, inoltre, promette di ampliare ulteriormente il suo portfolio di servizi per consolidare la propria posizione sul mercato. Negli ultimi tre anni, per esempio, LKQ Europe ha investito centinaia di milioni di euro in due nuovi magazzini centrali completamente automatizzati: uno in UK e uno nei Paesi Bassi (in funzione dalla fine di quest’anno).
Si tratta di investimenti di cui hanno beneficiato soprattutto tutte le realtà appartenenti a LKQ, come dimostra l’esempio di Euro Car Parts. Il distributore britannico, infatti, dal 2011 ad oggi ha triplicato il numero di dipendenti, quadruplicato il numero di filiali e quintuplicato il turnover.

Nell'attuale fase di integrazione, LKQ sta investendo principalmente nell'uniformare la struttura europea a livello informatico e nella creazione di standard uniformi per esempio per quanto riguarda la gestione degli acquisti o dell'inventario.
Insomma, l’offerta di LKQ è in continua espansione. Per rispondere all’emergenza Covid-19, per esempio, l’azienda ha risposto con corsi di formazione digitali e sta diffondendo informazioni di interesse pubblico con tutti i mezzi che ha a disposizione.

Rivolgendosi poi agli autoriparatori, Arnd Franz ha dichiarato: “Il vostro lavoro è fondamentale: siete i garanti della mobilità per il funzionamento dei paesi. Noi vi sosteniamo, siamo al vostro fianco: le consegne dei ricambi non si fermano”.

Segnaliamo, infine, che LKQ Europe solo in Germania serve quotidianamente oltre 15.000 officine. "Se riusciamo ad assicurare ogni giorno che centinaia di migliaia di veicoli continuino ad essere riparati presso le officine tedesche, la nostra economia uscirà più forte da questa crisi. Per non parlare poi del fatto che avremo in circolazione auto più sicure e meno inquinanti. Per questo motivo, dunque, le officine devono rimanere aperte”, conclude Arnd Franz rivolgendosi ai politici di tutta Europa.

Photogallery

Tags: distribuzione ricambi lkq

Leggi anche