News | 15 Febbraio 2021 | Autore: redazione

Mai più veicoli in contromano: il wrong-way driver warning di Bosch a bordo di Škoda

Il suo nome è wrong-way driver warning ed è il sistema messo a punto da Bosch, una soluzione innovativa, che debutta su alcuni modelli Škoda e che ha l’obiettivo di evitare molti incidenti mortali. Scopriamo come funziona.

 

Il sistema wrong-way driver warning di Bosch, dal primo trimestre del 2021, fa il suo debutto su alcuni modelli Škoda del Gruppo Volkswagen (per esempio: Škoda Superb, Scala, Kamiq, Karoq e Kodiaq).

Il colosso tedesco è partito da una premessa precisa: le informazioni sul traffico che segnalano la presenza di veicoli che procedono contromano purtroppo sono ancora numerose. Per evitare quindi situazioni critiche (incidenti gravi o mortali), Bosch ha pensato al sistema wrong-way driver warning. In sintesi, parliamo di una soluzione innovativa che avverte non solo il guidatore che procede nel senso di marcia sbagliato, ma anche tutti gli altri utenti della strada che si trovano nell’area di pericolo. 

Oggi, dunque, Škoda è la prima casa costruttrice a scegliere il sistema wrong-way driver warning di Bosch. Grazie a una nuova App di infotainment, gli automobilisti che guidano una Škoda riceveranno l’avviso salvavita direttamente sul display del quadro strumenti del veicolo. “Il nostro obiettivo è inserire il wrong-way driver warning in tutte le auto, in linea con il nostro motto ‘Tecnologia per la vita’. Non deve più accadere che una persona rischi la vita a causa di un veicolo contromano”, ha dichiarato Mathias Pillin, presidente della nuova divisione Bosch Cross-Domain Computing Solutions.

Il wrong-way driver warning: come funziona?

“Gli incidenti causati dai veicoli che procedono contromano per fortuna sono rari, ma quando accadono di solito hanno gravi conseguenze. Nella maggior parte dei casi, infatti, l’avviso del pericolo arriva troppo tardi poiché un terzo di questi incidenti in genere avviene dopo soli 500 metri e, nel peggiore dei casi, è mortale”, spiega Bosch. 

Con il sistema di avviso basato su cloud di Bosch, installato direttamente nella head unit dei veicoli Škoda, le due aziende propongono di ridurre ulteriormente il numero di incidenti causati dai veicoli contromano. Quando un veicolo si avvicina alla rampa di accesso o di uscita di un’autostrada, superstrada o tangenziale, il sistema manda la relativa posizione del GPS, anonimizzata, al cloud. Nel backend del cloud Bosch, il software confronta la direzione attuale del veicolo con il senso di marcia consentito. Se queste due informazioni non coincidono, il sistema avvisa il guidatore contromano dell’errore visualizzando un avviso lampeggiante sul display. La funzionalità che distingue questa soluzione è che l’avviso si attiva in pochi secondi, nella maggior parte dei casi ancor prima che il guidatore si immetta nel flusso del traffico. 

Bosch e ŠKODA prevedono inoltre di implementare la capacità dell’App di avvisare immediatamente anche tutti gli altri automobilisti e utenti della strada connessi che si stanno avvicinando e che sono potenzialmente a rischio. Questa funzione dovrebbe essere disponibile entro quest’anno. “Più veicoli sono connessi all’app wrong-way driver warning di Bosch, più sarà fitta la rete di sicurezza invisibile” ha aggiunto Pillin. Quando il veicolo lascia l’area di ingresso o di uscita della strada, lo scambio di dati tra il veicolo e il cloud si interrompe. Oltre a equipaggiare i veicoli ŠKODA con il sistema wrong-way driver warning, Bosch è in contatto  con altre case costruttrici per rendere disponibile questo sistema in un numero sempre maggiore di veicoli.

25 partner per l’App in 20 paesi

Il sistema wrong-way driver warning basato su cloud di Bosch è disponibile come App per smartphone dal 2018 e oggi è offerto in Europa da 25 partner, raggiungendo un totale di 26 milioni di utenti. Per distribuire il sistema, un modulo software viene integrato nelle App per smartphone delle stazioni radio e dei provider di servizi di streaming, navigazione e notiziari.

In questo caso i dati del GPS, anonimizzati, vengono inviati al cloud attraverso lo smartphone e analizzati nel backend di Bosch. L’avviso viene visualizzato sul display dello smartphone, accompagnato da un segnale acustico. Circa 2,5 milioni di utenti attivi al mese utilizzano già il sistema wrong-way driver warning di Bosch in Europa, tra cui automobilisti in Spagna, Francia, Svezia, Norvegia, Polonia, Italia e Regno Unito. Altri utenti si aggiungeranno quest’anno man mano che il sistema si estenderà anche agli USA e al Canada, spostandosi per la prima volta al di fuori dell’Europa. Il backend del cloud Bosch al momento analizza più di 4,5 milioni di viaggi ogni giorno per controllare il rischio di marcia contromano.

Photogallery

Tags: bosch

Leggi anche