News | 09 Dicembre 2014 | Autore: Redazione

Cinque milioni portati all'estero, denunciato ricambista cinese a Viareggio

Un imprenditore cinese proprietario di un'azienda di ricambi per auto, avrebbe evaso il Fisco per anni. La Guardia di finanza ha sequestrato conti correnti e immobili per 800.000 euro.

Avrebbe evaso il fisco per 5 milioni di euro, trasferendo all'estero ingenti capitali. Ma la Guardia di Finanza di Viareggio lo ha scoperto e denunciato.

A finire nel mirino un cittadino cinese residente in Versilia, imprenditore nel settore dei ricambi per auto. L'indagine delle Fiamme Gialle era partita un anno fa. A insospettire la Finanza erano stati molteplici trasferimenti di denaro all'estero effettuati dall'imprenditore e riconducibili a pagamenti, risultati poi fittizi, di merce importata dalla Cina.

L'evasione accertata dai militari è di 5 milioni: il Tribunale di Lucca ha disposto il sequestro preventivo dei beni dell'uomo per un valore di circa 800mila euro. I sequestri hanno riguardato conti correnti bancari e beni immobili riconducibili all'imprenditore e sparsi su tutto il territorio nazionale.

La notizia, riportata da "il Tirreno" e ripresa da molti siti internet, pone l'attenzione su un problema piuttosto diffuso di cui si parla troppo poco: quello della concorrenza sleale nel mondo del commercio ricambi.

Photogallery

Tags: ricambi contraffatti guardia di finanza furti ricambi ricambi auto contraffatti ricambi sequestrati

Leggi anche