News | 17 Maggio 2016 | Autore: Redazione

Electric Tour, le auto degli italiani sono 'a posto'?

Si è concluso Electric Tour, l'iniziativa che ha visto la rete di carrozzerie e officine multimarca 'a posto' in prima linea rivestendo il ruolo di partner tecnico. Il risultato finale? su un campione di 190 auto controllate sono stati riscontrati più di 400 difetti.




 

Dal 2 al 10 aprile è andato in scena, nei parcheggi dei negozi Ikea di 7 città lungo la costa adriatica, il road show Electric Tour, l’iniziativa, organizzata da Quattroruote, volta a sensibilizzare il pubblico sulle tematiche ambientali e sulla sicurezza. Ricordiamo che la rete di officine e carrozzerie multimarca ‘a posto’ è stato partner tecnico.
L’automobilista ha avuto così l’occasione di sottoporre il proprio veicolo a un check-up gratuito grazie alla presenza di meccanici qualificati della rete. In totale sono state 190 le auto controllate con un’anzianità media di 8 anni.

Il check-up consisteva in una serie di controlli tra cui livelli (olio, liquido refrigerante, liquido freni, ecc…), luci, stato di carica della batteria, stato delle cinghie servizi, spazzole tergicristallo, freno, pneumatici e efficienza dell’impianto di climatizzazione.
Il risultato finale è interessante: sul campione totale sono stati riscontrati più di 400 difetti: il 71% delle auto ne presentava almeno uno e, quello più frequente è stato lo scarso livello di olio motore (28% delle auto analizzate). Altri difetti ricorrenti sono stati l’usura delle spazzole e lo stato di carica della batteria non ottimale. In conclusione l’esperienza sembra confermare il trend che vede diminuire l’attenzione per cura e manutenzione dell’auto con l’aumentare dell’anzianità della vettura, andando così incontro, non solo a spese maggiori di riparazione, ma anche a maggiori rischi per la sicurezza.
 

Photogallery

Tags: Rhiag checkup a posto

Leggi anche