News | 22 Giugno 2020 | Autore: In collaborazione con NGK Spark Plug

Problemi di accensione? NGK spiega come evitarli

Come evitare depositi carboniosi sulle candele? Come procedere per una rimozione e installazione a regola d’arte delle candelette? A queste e a molte altre domande rispondono i tecnici di NGK Spark Plug.

 

NGK Spark Plug, specialista nei prodotti di accensione e sensori a livello mondiale, offre ai clienti una garanzia legale su tutti i suoi prodotti, comprese le candele e le candelette.
Tutti i prodotti resi in garanzia vengono quindi sottoposti a test diagnostici per capire il motivo del difetto, sia che si tratti di errori di fabbricazione sia di fattori esterni.

Tuttavia, grazie all'impegno profuso dall'azienda per realizzare prodotti che puntano a qualità ed eccellenza, si è riscontrato che quasi nessuno dei reclami ricevuto per i prodotti in garanzia è dovuto a errori di fabbricazione, in particolare per quanto riguarda le candele e le candelette.
Per entrambe le tipologie di prodotto, continua l’azienda, quasi tutti i reclami sono il risultato di vari fattori esterni come una errata installazione, incrostazioni o condizioni inefficienti del motore.

Lo specialista dell’accensione spiega perciò come evitare le problematiche più comuni per l’accensione.
 

Come evitare depositi carboniosi sulle candele

Questo è di gran lunga il problema più comune con le candele: questo genere di reclami viene respinto perché le incrostazioni carboniose si verificano per fattori esterni, non per errori di fabbricazione. Quando una candela si sporca, la punta dell’isolatore viene ricoperta da una sostanza estranea come carburante, olio o carbone, facendo scaricare a massa la scintilla, e questo si traduce in un malfunzionamento del motore o in un mancato avviamento. 

"Le ragioni più comuni del verificarsi di questa situazione includono un errato range di temperature di esercizio, un processo di combustione del motore non ottimale e condizioni di funzionamento non ottimali, come il guidare a lungo a bassa velocità e i viaggi brevi", spiega Kai Wilschrei, senior manager technical service aftermarket EMEA presso NGK Spark Plug Europe. "Ad esempio, una candela deve raggiungere una temperatura di 450 °C prima di iniziare il processo di autopulizia bruciando i depositi carboniosi. Viaggi brevi e bassa velocità, tuttavia, impediscono alla candela di raggiungere questa temperatura critica, creando le condizioni per un accumulo di residui".

Fortunatamente ci sono molte precauzioni che possono essere adottate per evitare che ciò accada. L'esperto raccomanda di “assicurarsi che la miscela aria / carburante sia corretta; controllare regolarmente i componenti del sistema di accensione come cavi, bobine e cappucci per segni di usura; di tanto in tanto guidare a velocità più elevate e per periodi più lunghi; utilizzare una candela con il grado termico idoneo per ogni specifico motore".

È interessante notare che alcune delle candele con imbrattamento, che sono state rese come reclamo, in realtà funzionano perfettamente dopo essere state pulite, racconta Kai Wilschrei. “Ciò dimostra il ruolo vitale che i fattori esterni citati prima possono svolgere, sia sulle candele sia sulla salute generale del motore. La semplice sostituzione di una candela sporca con una nuova può risolvere temporaneamente il problema, ma in realtà lo rimanda a una data successiva", afferma.
 

La coppia corretta è fondamentale

Un'altra situazione comune nei casi di reclamo in garanzia che vengono respinti, è dovuta all'errata coppia di serraggio durante l'installazione; se la coppia impostata è troppo bassa, esiste il rischio di perdita di compressione e surriscaldamento della candela. Inoltre, l'isolante e gli elettrodi si possono danneggiare a causa di vibrazioni eccessive.

D'altra parte, se la coppia è impostata su un valore troppo elevato, il corpo metallico della candela sarà sottoposto a sollecitazioni eccessive, aumentando la probabilità di cedimento o espansione. L'espansione può causare un problema nelle zone di dissipazione del calore. Surriscaldamento, fusione degli elettrodi e persino danni al motore sono altri potenziali rischi.
“È fondamentale avvitare una candela alla coppia di serraggio o all'angolazione specificati", afferma Wilschrei. “Innanzitutto, è necessario pulire i fori delle candele eliminando il lubrificante, lo sporco e i depositi. Quindi avvitare a fondo il connettore fino a quando la guarnizione incontra la testa del cilindro. Posizionare il connettore / guarnizione con una chiave dinamometrica alla coppia specificata. Se si usa una chiave standard, ruotarla nell'angolazione indicata".

L'uso di una chiave idonea per l'installazione è un altro fattore importante che viene spesso trascurato. "Una chiave di questo tipo dovrebbe garantire che la candela possa essere inserita saldamente al suo interno", spiega Wilschrei. "L'uso di una chiave di scarsa qualità può provocare la rottura dell'isolante ceramico durante il montaggio, causando un guasto al motore", informa l'esperto.

È importante ricordare anche che in alcuni veicoli è necessario l'uso di strumenti non standard per una corretta installazione della candela. “Il nostro reparto garanzie riceve in reso un numero crescente di candele ZKBR7A-HTU con il reclamo che si sono guastate o non funzionavano correttamente. Tutte queste candele sono installate nei motori BMW N43 (4 cilindri) o N53 (6 cilindri)", informa l'esperto. “In questi motori particolari, tuttavia, le candele sono installate con un angolo superiore a 5°. L'installazione di candele in questi specifici propulsori può essere effettuata solo con una chiave speciale dotata di snodo articolato. I test effettuati sulle candele rese hanno rilevato che questo strumento obbligatorio non era stato utilizzato, il che significa che abbiamo dovuto rifiutare i reclami in garanzia", afferma Wilschrei.
 

Rimozione e installazione delle candelette

Il calore eccessivo dovuto alla perdita di carburante dagli iniettori, la tensione eccessiva causata da un controller difettoso o la sporcizia nel foro della candeletta, sono alcuni dei motivi più comuni per il malfunzionamento della candeletta nei motori diesel. Ciò richiederà la sua sostituzione, cosa che potrebbe anche causare problemi.

Tuttavia, secondo Wilschrei, è possibile evitare facilmente qualsiasi problema se si rispettano le corrette procedure precauzionali. “Quando è necessario sostituire una candeletta, si consiglia di applicare un olio motore sintetico attorno a ciascuna candeletta e idealmente lasciare che penetri per almeno una settimana. Ciò riduce il rischio di rottura e ne facilita la rimozione", afferma.
“Quando si inizia a rimuovere le candelette è necessario far scaldare il motore poiché le candelette si allentano più facilmente quando il motore è caldo e utilizzare una chiave dinamometrica adatta, in grado di misurare la coppia di allentamento, impostata sui valori del punto di rottura. Una volta rimossa la candeletta, utilizzare un alesatore per fori specifico per candelette con grasso privo di silicone per pulire e svuotare ogni foro dai depositi di carboniosi. Infine, montare manualmente le nuove candelette nelle loro sedi e serrarle, utilizzando una chiave dinamometrica impostata correttamente”, raccomanda Wilschrei.
 

I vantaggi del test sui resi in garanzia

Sebbene i test condotti sui reclami per i prodotti resi in garanzia svolgano un ruolo importante in termini di rilevamento dell'origine del guasto, secondo Wilschrei questi offrono ulteriori vantaggi. "Naturalmente ci consentono di migliorare la qualità dei nostri prodotti, ma ci aiutano anche a educare i nostri clienti su come risparmiare denaro mantenendo sani i sistemi di accensione delle loro auto", afferma.
“Per chiunque desideri saperne di più, consiglio vivamente di visitare TekniWiki (www.tekniwiki.com), la piattaforma di informazioni tecniche di NGK Spark Plug. Questo hub interattivo fornisce informazioni dettagliate e di facile comprensione relative alla manutenzione, rimozione e installazione di tutti i prodotti della nostra azienda", sottolinea Wilschrei.

Photogallery

Tags: candele candelette ngk

Leggi anche

NEWS | 29/03/2016NGK premiata dal gruppo FCA