News | 14 Settembre 2020

Aftermarket: ecco come NGK affronta le sfide del futuro

La ricetta di NGK Spark Plug Europe alle sfide del futuro: guardare al mercato con lungimiranza, cercare il confronto e cogliere le occasioni. Ce ne parla Damien Germès, presidente & CEO dell’azienda, in questa intervista.


 

Per capire come si sta muovendo il mercato è importante dar voce direttamente ai suoi protagonisti. L’interlocutore oggi è Damien Germès, presidente & CEO di NGK Spark Plug Europe, Regional President EMEA e Corporate Officer del Global Headquarters in Giappone, profondo conoscitore del settore, che ha perciò una visione globale del mercato.

È in questa intervista, dunque, che Germès parla del futuro, ma soprattutto delle recenti performance di NGK Spark Plug in questo particolare momento storico, senza precedenti.
Dalle sue parole si capisce come l’azienda guardi avanti con ottimismo, affrontando le sfide, ma soprattutto continuando a investire.

Mr Germès, partiamo per prima cosa dai risultati raggiunti. Come descriverebbe le performance ottenute dall’azienda nel corso dello scorso anno fiscale terminato il 31 marzo 2020?
NGK Spark Plug Europe ha avuto performance impressionanti lo scorso anno fiscale, con un fatturato globale di 3,7 miliardi di euro, una cifra che deve rendere orgogliose tutte le persone che lavorano per questa azienda. Questa cifra rappresenta uno storico record di vendite per l’azienda, con un incremento rispetto al precedente anno fiscale nonostante gli effetti negativi legati al Covid-19 nel primo trimestre del 2020.
 
Tutte le divisioni del gruppo hanno contribuito a questo risultato. La divisione Automotive Components Group, che comprende OE e AM, ha continuato a ottenere ottimi risultati, con uno sviluppo delle vendite quasi doppio rispetto alla media del settore Automotive. Inoltre, la crescente divisione Technical Ceramics Group, che include i prodotti medicali, ha mostrato risultati molto promettenti contribuendo per il 18% del fatturato globale annuo. Le performance dello scorso anno fiscale dimostrano ancora una volta che la nostra è un’azienda forte dal punto di vista finanziario e molto ben attrezzata per affrontare e superare l’attuale situazione straordinaria globale.

Lei supervisiona la regione EMEA dell’azienda. Come è andato lo scorso anno fiscale per questa regione in particolare?
Personalmente sono molto soddisfatto dello sviluppo della regione EMEA, che sta dando sempre maggior contributo alle performance generali dell’azienda, rappresentando il 27% delle vendite mondiali. Il nostro business è cresciuto sia nell’OE che nell’AM lo scorso anno, con una crescita delle vendite del 5% sia sulle candele sia sulle candelette e con i sensori d’ossigeno che hanno fatto registrare un incremento delle vendite intorno al 10%.

Questi risultati sono la testimonianza dell’alto grado di soddisfazione dei nostri clienti. La customer satisfaction è sempre stato un fattore cruciale per noi e ora i livelli sono particolarmente alti. 
La divisione OE è stata insignita del premio “Smart Brand Pillar World Excellence Award” dalla Ford Motor Company durante il 21° Annual Ford World Excellence Awards per aver raggiunto il massimo livello di qualità, costi, performance e logistica. 

Oltre a questo, l’AM è stato premiato come “Supplier of the Year” da Autodistribution International (ADI). Inoltre, il nostro Net Promoter Score (NPS), che misura la propensione di un cliente a raccomandare un’azienda ad altri, ha ottenuto un punteggio record di 65 punti per la nostra divisione AM, ben più alto dei 44 di media del settore.

La pandemia di Covid-19 ha avuto un impatto senza precedenti sul business a livello globale. Che tipo di effetti ha potuto notare sul fatturato complessivo dell’azienda durante lo scorso anno fiscale? Ha portato comunque delle opportunità?
Al momento è ancora difficile valutare il vero impatto complessivo che il Covid-19 avrà sulla nostra azienda, ma NGK Spark Plug è un’azienda forte, stabile e allo stesso tempo innovativa, ben equipaggiata per affrontare queste sfide e persino trasformarle in opportunità. 
Un esempio di questo lo possiamo trovare nell’esperienza positiva che stiamo sperimentando con un ambiente di lavoro più flessibile  per i nostri dipendenti, oppure con l’accelerazione dei processi di digitalizzazione che erano già stati messi in atto in passato.
 
Inoltre, la pandemia ha creato una grande opportunità per la nostra divisione medicale. Qualcuno potrebbe essere sorpreso, ma NGK Spark Plug è attiva da diversi anni nell’industria medicale. Solo per fare un esempio, la nostra controllata, CAIRE Inc., che è stata acquisita nel 2018, ha avuto un considerevole aumento di domanda per i suoi equipaggiamenti d’ossigeno, confermando l’ottimo investimento fatto da NGK Spark Plug.

Si stima che l’impiego dei motori a combustione interna sui veicoli vedrà un forte declino intorno alla metà del 2030. Come si sta preparando NGK Spark Plug ad affrontare questa nuova sfida?
Sebbene i motori a combustione interna verranno utilizzati sempre meno, le persone continueranno ad utilizzare le auto in futuro, solo che avranno una diversa potenza motrice. Questo significa che la nostra divisione Automotive rimarrà comunque importante per noi, solo che il focus si sposterà su tipologie di prodotti differenti.

A parte questo, le strutture di NGK Spark Plug sono già state implementate per permettere all’azienda di trasformarsi grazie alla nascita di nuovi business e nuovi prodotti, che stanno cominciando a dare i loro frutti. Ci si aspetta da questi nuovi prodotti un incremento di rendimento nei prossimi 10-20 anni. 
Abbiamo pianificato investimenti in nuovi e crescenti business, con l’obiettivo di avere entro il 2030 circa il 40% del fatturato complessivo derivante da vendite di prodotti non collegati al motore a combustione interna e di aumentare questa percentuale fino al 60% entro il 2040.

Come vede l’adattamento futuro dell’azienda in relazione al tema del cambiamento climatico?
Parte della filosofia della compagnia, chiamata “Nittoku Way”, consiste nel senso di responsabilità dell’azienda verso le generazioni future. Per combattere il cambiamento climatico occorre uno sforzo collettivo e noi stiamo facendo la nostra parte. I nostri prodotti d’accensione e i nostri sensori contribuiscono già da anni a ridurre le emissioni di CO2.
 
Inoltre, siamo alla costante ricerca di business sostenibili. Questi includono Oxide Fuel Cells, batterie allo stato solido e Power To Gas / PTG, che hanno già dimostrato interessanti opportunità.

Lo sviluppo di tecnologie, prodotti e business che contribuiscono positivamente alle questioni sociali sono della massima importanza per NGK Spark Plug. Quale di questi futuri sviluppi la entusiasma maggiormente?
Tutte le aree sono entusiasmanti e mostrano un grande potenziale. Ora è necessario acquisire una conoscenza più diversificata perché condivideremo domini di business diversi con nuovi concorrenti. La nostra visione del 2040, chiamata “Beyond ceramics, eXceeding imagination” detta la strada per il futuro operato dell’azienda, che ha bisogno di reinventarsi e operare dei cambiamenti rispetto al presente. 

Con il nostro Management Plan a lungo termine, chiamato “NITTOKU BX”, abbiamo posto le basi per i prossimi 10 anni che illumineranno il percorso della compagnia verso il raggiungimento della nostra visione aziendale. “NITTOKU BX” consentirà alla nostra azienda di creare business consolidati in quattro campi differenti, il che ci consentirà di rimanere competitivi sul lungo periodo. 
Lavorare perseguendo questi obbiettivi consentirà a NGK Spark Plug di contribuire al benessere della società, di rafforzare le proprie fondamenta e di cogliere nuove opportunità di business.

Può dirci di più riguardo questi business di consolidati?
I quattro pilastri del nostro business futuro sono: “Ambiente & Energia”, “Mobilità”, “Prodotti Medicali”, “Comunicazione” e sono tutti pensati e strutturati sulla base dei 17 ‘Sustainable Development Goals’ (SDGs) definiti dall’ONU. 

Tuttavia, le nostre competenze chiave di oggi apriranno la strada allo sviluppo di soluzioni innovative ed entusiasmanti in queste quattro aree. Per me la sfida più eccitante sarà quella legata alla trasformazione della “Mobilità”, poiché la nostra azienda ha già una posizione molto forte in questo settore che sta subendo una trasformazione radicale. Continueremo a ricoprire un ruolo importante nel campo della “Mobilità” in futuro. Estenderemo la nostra offerta, ad esempio, fornendo servizi di manutenzione su misura per adattarsi agli stili di vita dei nostri clienti, nonché Mobility-as-a-Service (MaaS) per soddisfare esigenze speciali. Inoltre, le nostre radici nella ceramica continueranno a dare un contributo significativo all’azienda, con componenti ceramici utilizzati per migliorare la potenza nei veicoli elettrici.

Quali sono i principali obiettivi per i prossimi 10 anni?
Negli ultimi 10 anni abbiamo fatto molti progressi nelle nostre attuali aree di business. Il principale obiettivo a lungo termine è la trasformazione del nostro attuale business portfolio tramite investimenti in nuovi business. 

Queste pietre miliari andranno di pari passo con un chiarimento delle responsabilità organizzative, oltre che a creare una forte cultura del “Cambiamento con Volontà” all’interno della nostra azienda in modo da poter raggiungere la nostra visione.

Potrebbe approfondire i piani dell’azienda riguardo la promozione della riforma culturale e della diversità in relazione alle risorse umane?
Promuovere la riforma culturale e la diversità all’interno della nostra azienda significa costruire e avere dei dipendenti che riflettano la nostra diversità globale. Questo vuol dire diventare un’azienda più progressista dove viene data la precedenza alla promozione di valori comuni a vantaggio di tutti i dipendenti. Un’azienda in cui i dipendenti sono stimolati a pensare fuori dagli schemi e a prendere dei rischi.
 
Questo include anche la promozione di un numero maggiore di donne in posizioni strategiche, e lo stesso vale per i cittadini stranieri che si candidano per lavorare per noi. Dovrà sempre essere il miglior candidato possibile a ottenere il lavoro, indipendentemente dal genere o dalla nazionalità.

Il “Nittoku Way” è stata la filosofia di management che ha guidato l’azienda fino a ora. Come verrà riportata all’interno della nuova visione, il “NITTOKU BX”?
“Nittoku Way” continuerà a essere la nostra filosofia, che contiene e spiega i quattro valori su cui si basa l’operato dell’azienda: “Fai del tuo meglio, onestamente”, “Credi nei tuoi punti di forza e agisci con iniziativa”, “Unisci le tue forze con le persone di tutto il mondo, utilizzando in modo positivo le diversità di ciascuno” e “Non rinunciare mai al tuo scopo, sforzati e impegnati con determinazione sino alla fine”. 

Questi punti formano la base del “NITTOKU BX”: “BX”, due lettere prese dalla visione 2040 “Beyond ceramics, eXceeding imagination’, si aggiungono al Nittoku, fondendo il passato e il futuro ed indicando la strada da intraprendere nei prossimi 20 anni. Durante questo periodo NGK Spark Plug diventerà un’azienda che convive con il mondo e la società, con risorse umane diversificate, che riflettono la nostra cultura del "Cambiamento con Volontà".

‘Beyond ceramics, eXceeding imagination’ è la vision a lungo termine che accompagnerà l’azienda fino al 2040. Come descriverebbe questa nuova strada intrapresa?
Questa visione è il perfetto riassunto della nuova emozionate direzione che NGK Spark Plug sta prendendo. Sebbene la nostra azienda affondi le proprie radici nella manifattura della ceramica, noi la trasformeremo in un’organizzazione con più sfaccettature, composta da individui appassionati che lavorano insieme per affrontare nuove sfide al fine di realizzare una società migliore.
NGK Spark Plug diventerà un’azienda che trascende l’immaginazione, con tecnologie che non avranno barriere.

Photogallery

Tags: candele candelette ngk

Leggi anche

NEWS | 29/03/2016NGK premiata dal gruppo FCA